logo

Sindrome dell'intestino irritabile: trattamento, droghe

La sindrome dell'intestino irritabile o la sindrome dell'intestino irritabile o IBS è una condizione funzionale cronica caratterizzata da una varietà di sintomi, i principali tra i quali sono il dolore addominale, combinato con feci turbate - diarrea o costipazione. Le persone di tutte le età soffrono di questa patologia, ma la maggior parte dei casi viene diagnosticata all'età dei pazienti da 40 a 65 anni. Per ogni uomo che si ammala, ci sono 1-3 donne con IBS. Perché c'è la sindrome dell'intestino irritabile e quali sono i suoi sintomi, ne abbiamo parlato prima - nell'articolo con lo stesso nome. Qui considereremo in dettaglio il trattamento di questa malattia e i farmaci che possono essere utilizzati per l'IBS..

La sindrome dell'intestino irritabile è una malattia funzionale, e quindi il suo trattamento è un compito piuttosto difficile (dopotutto, è impossibile valutare l'efficacia di uno o un altro farmaco assunto dal paziente, non ci sono cambiamenti strumentali di organo nell'IBS; il medico deve concentrarsi esclusivamente sulle parole del paziente - la dinamica dei suoi reclami e la propria valutazione il tuo stato). Inoltre, la difficoltà sta nel fatto che questa malattia è caratterizzata da una varietà di sintomi sfaccettati che non possono essere fermati prendendo la 1a pillola: devi prescrivere diversi farmaci contemporaneamente che li eliminano.

Trattamento senza farmaci

Prima di tutto, un paziente affetto da sindrome dell'intestino irritabile deve essere pienamente informato sulla propria malattia. Questa malattia procede in ogni caso individualmente, quindi il paziente deve tenere un diario: descrivere le specifiche dei sintomi che si presentano in lui e i presunti fattori a cui possono essere associati.

Il paziente dovrebbe evitare lo stress, perché questo è uno dei fattori scatenanti dell'IBS e anche abbandonare le cattive abitudini.

Per le persone che soffrono di questa patologia, non ci sono raccomandazioni dietetiche generalmente accettate. La loro reazione a questo o quel prodotto, di regola, è individuale. Un diario alimentare aiuterà a identificare gli alimenti irritanti, in cui il paziente deve registrare tutto ciò che ha mangiato e i sintomi della malattia che si verificano dopo aver assunto determinati alimenti. Quando viene identificato un tale schema, la principale raccomandazione alimentare sarà l'esclusione dalla dieta degli alimenti che provocano lo sviluppo dei sintomi della malattia..

Se il paziente si lamenta di costipazione, è probabile che non consumi abbastanza fibra alimentare, che si trova nella maggior parte delle verdure, frutta e cereali..

Gonfiore, flatulenza (incontinenza gassosa) e diarrea (diarrea) sono tutti promossi da un eccesso di sorbitolo e fruttosio, cavolo, legumi o prodotti lattiero-caseari (se il paziente ha carenza di lattasi).

Di conseguenza, la correzione della dieta con l'eliminazione di prodotti irritanti porterà alla normalizzazione delle condizioni del paziente..

Terapia farmacologica

La scelta del farmaco prescritto dipende direttamente da quale delle sindromi è predominante in un particolare paziente: diarrea, costipazione o dolore addominale. Naturalmente, se esiste una combinazione di sintomi, vengono prescritti diversi farmaci. Così…

Con prevalenza di costipazione, applicare:

  • preparati di lattulosio (Duphalak, Goodluck, Normase, Portalak, Lizalak e altri) - stimola la peristalsi (movimenti ondulati nella direzione di "uscita") dell'intestino e la riproduzione di batteri lattici; la dose per un adulto è di 15-60 ml al giorno, suddivisa in 2-3 dosi; il corso del trattamento dura da 3 a 4 settimane o più; in caso di diarrea, il farmaco viene annullato; con cautela prescritta alle persone con diabete mellito; non usare per sanguinamento dal retto, ostruzione intestinale, cole e ileostomia o in caso di sospetto di appendicite;
  • Il Mucofalk (analoghi - Fiberlex, Naturolax e altri) - regola l'attività dell'intestino, facilitando il movimento del contenuto attraverso di esso; applicare 1 cucchiaino (5 g) 2-6 volte al giorno; è importante osservare un intervallo di 30-60 minuti tra l'assunzione di questo farmaco e altri farmaci; quando lo prendi, devi bere almeno 1,5 litri di liquido al giorno;
  • macrogol (Lavacol, Fortrans, Forlax) - approvato per l'uso solo nelle persone di età superiore ai 15 anni; pulisce efficacemente il retto; applicato a 10-20 g al giorno al mattino;
  • itoprid (Itopra, Itomed, Ganaton) - migliora la motilità del tratto digestivo; la dose raccomandata è di 150 mg al giorno, suddivisa in 3 dosi; durante la gravidanza e l'allattamento non viene utilizzato;
  • domperidone (Motoricum, Motilium, Motilact e altri) - migliora anche la peristalsi gastrica, accelerando il suo svuotamento; viene applicato 1 compressa (10 mg) 3 volte al giorno 20 minuti prima dei pasti.

Con una predominanza di diarrea, al paziente viene mostrato:

  • loperamide (Imodio, Diara, Lopedium e altri) - rallenta la motilità intestinale, aumentando il tempo necessario per attraversare le feci; il dosaggio viene selezionato singolarmente, la dose massima giornaliera è di 16 mg; ricovero durante l'infanzia secondo rigorose indicazioni e sotto la supervisione di un medico;
  • simeticone (Espumisan, Infacol, Sub Simplex e altri) - riduce il contenuto di gas nell'intestino; il dosaggio viene selezionato individualmente;
  • Smecta e i suoi analoghi Diosmectite, Neosmectite - un efficace adsorbente, ha anche un effetto avvolgente e protettivo sulla mucosa del tratto digestivo; applicare 1 bustina per via orale 2-3 volte al giorno;
  • i preparati di bismuto (De-nol, Vis-nol, Ventrisol e altri) - hanno un pronunciato effetto gastroprotettivo; applicare 120 mg 4 volte al giorno mezz'ora prima dei pasti e prima di coricarsi; non usare bevande, cibo e antiacidi (quelli che riducono l'acidità del succo gastrico) mezz'ora prima e dopo aver preso questo rimedio; al momento della terapia, l'alcol dovrebbe essere abbandonato;
  • probiotici (Laktiv, Enterojermina, Lactofiltrum e altri) - contengono batteri necessari per la digestione, che vengono "lavati" dall'intestino durante la diarrea.

In caso di prevalenza del dolore addominale, si raccomanda al paziente:

  • drotaverin (No-shpa, Spazmol, Spazmonet e altri) - rilassa i muscoli lisci del tratto digestivo, alleviando il dolore; usato per 40-80 mi 2-3 volte al giorno;
  • ioscina butil bromuro (Buscopan) - agisce in modo simile alla drotaverina; applicarlo a 10 mg 2-4 volte al giorno; cancellato - gradualmente;
  • mebeverina (Duspatalin, Sparex) - elimina lo spasmo dei muscoli lisci dello stomaco e dell'intestino; applicarlo 200 mg 2 volte al giorno 20-30 minuti prima dei pasti; gli effetti collaterali includono vertigini.

Se i farmaci sopra descritti sono inefficaci, al paziente possono essere prescritti antidepressivi a piccole dosi (amitriptilina, venlafaxina, fluoxetina e altri).

Inoltre, in alcuni casi viene utilizzato 5-HT.3-agonisti: ondansetron, alosetron, tropisetron.

Canale televisivo "Russia-1", il programma "Il più importante", il titolo "Medici" sul tema "Sindrome dell'intestino irritabile: sintomi e trattamento":

Sentimenti intestinali o come curare la sindrome dell'intestino irritabile

5/5 (5 voti)

La sindrome dell'intestino irritabile (IBS) è forse la malattia più comune al mondo - circa 1/5 della popolazione ne soffre. La principale caratteristica distintiva dell'IBS dalle altre malattie del tratto gastrointestinale è l'assenza di patologia organica. Questo è solo un malfunzionamento funzionale nell'intestino, che si manifesta con disagio addominale e disturbi delle feci. I più sensibili alla malattia sono i giovani, più spesso le donne. Raro nei bambini, ma con sintomi più gravi.

Cause dell'evento

La causa esatta della sindrome dell'intestino irritabile non è nota. Esistono numerosi fattori che possono scatenare lo sviluppo della malattia:

  1. Psicologico: lo stress è considerato il principale fattore scatenante della malattia.
  2. Infezioni intestinali posticipate (dissenteria, salmonellosi); disbiosi.
  1. Abbiamo soppesato l'ereditarietà.
  1. Errori nutrizionali: eccesso di cibo, consumo frequente:
  • bibita;
  • alcol;
  • cibi grassi;
  • muffin;
  • patatine e snack;
  • bevande contenenti caffeina (tè, caffè, bevande energetiche).

Come si manifesta IBS

I sintomi intestinali includono:

  • dolore, crampi, disagio addominale;
  • flatulenza;
  • violazione della frequenza delle feci (frequente - da 3 volte al giorno, rara - meno di 3 volte a settimana);
  • un cambiamento qualitativo nelle feci (molto duro, liquefatto), alternando costipazione e diarrea;
  • falsi desideri, tensione durante i movimenti intestinali, sensazione di svuotamento incompleto dell'intestino;
  • muco nelle feci.

Il dolore all'addome peggiora dopo aver mangiato e diminuisce dopo essere andato in bagno. Nelle donne, la condizione peggiora prima e durante le mestruazioni..

Ci sono anche manifestazioni extraintestinali di IBS:

  1. Patologia psiconeurologica (ansia, sindrome da affaticamento cronico, depressione, fobie, attacchi di panico, disturbi del sonno).
  1. Distonia vegeto-vascolare (freddo delle braccia e delle gambe, difficoltà respiratoria, sensazione di un nodo alla gola, mal di testa).
  2. Spesso combinato con disuria, problemi sessuali.

Come trattare l'intestino irritabile con rimedi popolari

I guaritori erano soliti trattare il mal di intestino con erbe che calmano il sistema nervoso e alleviano i sintomi del dolore. Questi includono, ad esempio, tali miscele di erbe:

  1. Radice di valeriana, fiori di camomilla, corteccia di olivello spinoso, menta piperita in parti uguali, miscela. Prepara un cucchiaio di questa miscela come il tè in un bicchiere e bevi il brodo al mattino e alla sera..
  2. Mescola e prepara semi di finocchio e cumino, valeriana e camomilla allo stesso modo della raccolta menzionata nel paragrafo precedente. Mangia anche due volte al giorno.
  3. La domanda su come trattare l'intestino irritabile a casa aiuterà a risolvere una miscela di fiori di tiglio e petali di calendula. Questi componenti devono essere mescolati tra loro in parti uguali, quindi combinare separatamente le foglie di betulla e salvia tritate e i petali di fiordaliso. Questi componenti devono essere presi a metà tanto quanto il tiglio e la calendula. Quindi combinare entrambe le miscele in una raccolta. Prendi un cucchiaio di prodotto, versa un bicchiere di acqua calda, scalda per un quarto d'ora a bagnomaria, poi lascia raffreddare il brodo e bevi prima di mangiare.

Per curare l'intestino irritabile, dovresti anche seguire alcune regole dietetiche..

Sindrome dell'intestino irritabile durante la gravidanza

L'IBS nelle gestanti è comune, a causa di:

  • cambiamenti nel background ormonale;
  • indebolimento dell'immunità;
  • stringendo i cappi intestinali con l'utero in crescita;
  • instabilità emotiva.

Una donna deve assolutamente consultare un medico per escludere la minaccia di interruzione della gravidanza e di altre malattie acute. La sindrome non influisce sul decorso della gravidanza e non peggiora le condizioni del feto.


Foto: un algoritmo per la diagnosi di IBS

Diagnosi di IBS

Non esiste un test specifico per la diagnosi di IBS. Tutti i metodi mirano ad escludere altre patologie con sintomi simili:

  • prime fasi di oncologia;
  • malattia infiammatoria intestinale (p. es., colite ulcerosa);
  • infezioni intestinali e parassitarie;
  • malattia adesiva;
  • avvelenamento cronico.

Per esame, applicare:

  • esame del sangue generale (per escludere l'infiammazione);
  • analisi delle feci (per parassiti, sangue occulto);
  • esame del sangue per celiachia;
  • sigmoidoscopia, colonscopia (valutazione delle condizioni della parete mucosa del colon);
  • Radiografia dell'intestino;
  • Ultrasuoni addominali.

Criteri di diagnosi:

  • dolore addominale ricorrente per 6 mesi o più;
  • negli ultimi 3 mesi almeno 3 giorni al mese, mentre il dolore diminuisce dopo un movimento intestinale; il dolore si verifica con un cambiamento nella frequenza delle feci o nella natura.

Trattamento della sindrome dell'intestino irritabile

Il ruolo principale nella prevenzione e nel trattamento dell'IBS appartiene ai metodi non farmacologici. Le compresse vengono utilizzate in modo situazionale.

Trattamento senza farmaci

  1. Tecniche di psicoterapia: lavorare con uno psicoterapeuta, yoga, meditazione, massaggi, bagni aromatici, agopuntura.
  1. Stile di vita attivo: fitness, corsa, nuoto.
  2. Cambiare le abitudini alimentari.

Principi dietetici per IBS

Cambiare la dieta può alleviare significativamente la condizione: ridurre il dolore, normalizzare le feci. Le raccomandazioni dietetiche sono le seguenti:

  1. Riduzione al minimo dei prodotti che formano gas: fagioli, piselli, cavoli, patate, uva, kvas.
  2. Rifiuto di bere alcolici, bevande gassate, restrizione di tè / caffè.
  3. Riduzione di frutta fresca, cibo ruvido.
  4. Per IBS con diarrea, gelatina e gelatina di frutta e bacche (in particolare mirtilli), si raccomandano semolino e porridge di riso. Mangia fibre vegetali meno insolubili: pane integrale, crusca, noci, cereali, semi.
  5. Per IBS con costipazione, dovresti aumentare la quantità di fibre (avena, orzo, segale, grano saraceno, verdure bollite), nonché liquidi - acqua almeno 8 bicchieri al giorno, succhi di frutta, decotti (soprattutto di prugne), bevande a base di latte fermentato.

I pasti dovrebbero essere regolari, sufficienti nel tempo, senza fretta, senza lunghe pause.

Trattamento farmacologico

  1. Antispasmodici (per il dolore intenso, puoi assumere sia per via orale che endovenosa).
  2. Farmaci antidiarroici.
  3. Medicine lassative.
  4. Antidepressivi triciclici (particolarmente efficaci per IBS con tendenza alla diarrea).
  5. Probiotici - per il trattamento della disbiosi.

Puoi anche trattare l'intestino irritabile usando metodi popolari:

  • infuso di aloe con miele;
  • succo di cipolla;
  • brodi di corteccia di olivello spinoso, frutti di ciliegia;
  • infuso di menta piperita, semi di aneto o carote;
  • decotto di frutti di biancospino.

Alcuni dei medicinali e dei rimedi popolari possono complicare il decorso di altre malattie croniche, influenzare negativamente lo stomaco. Pertanto, prima di utilizzarli, è necessario consultare un medico (gastroenterologo).

Medicinali per il trattamento della sindrome

Le medicine per il trattamento della sindrome dell'intestino irritabile sono selezionate da un gastroenterologo. La scelta di uno o l'altro farmaco dipende dalla forma della malattia..

Terapia IBS con una predominanza di feci molli

I farmaci antidiarroici possono essere assunti per un massimo di 3 giorni. L'uso più lungo dei fondi in questo gruppo può provocare stitichezza. Questi includono:

  • Imodium. Il farmaco previene la disidratazione, allevia gli spasmi nell'intestino. Il farmaco non è prescritto se ci sono tracce di sangue nelle feci;
  • Loperamide. Un farmaco comune per la diarrea. Venduto in forma di pillola. Il farmaco non è prescritto per donne in gravidanza e bambini di età inferiore ai 2 anni..

Enterosorbents

I farmaci di questo gruppo legano tossine e microrganismi patogeni, facilitando il loro rapido utilizzo da parte del corpo. Tra gli enterosorbenti spiccano:

  • Smecta. Venduto sotto forma di polvere per preparare una sospensione. Può essere usato per la terapia sia nei bambini che negli adulti;
  • Enterosgel. Disponibile in forma di gel. Aiuta a combattere la diarrea. Prima dell'uso, il farmaco viene miscelato con acqua. Lo strumento è adatto per il trattamento della sindrome dell'intestino irritabile in bambini e adulti;
  • Carbone attivo. Il farmaco è sotto forma di compresse nere. Il dosaggio del carbone viene calcolato individualmente e dipende dal peso del paziente.

Terapia IBS predominante in costipazione

La costipazione a lungo termine è irta di grave intossicazione del corpo. Se ci sono difficoltà con la defecazione, ai pazienti vengono prescritti lassativi. I farmaci in questo gruppo aumentano la peristalsi. Questi includono:

  • Forlax. Il farmaco viene venduto in polvere. Può essere usato per trattare i bambini dagli 8 anni di età. La durata della terapia è calcolata dal medico curante. Questo prodotto è adatto per un uso a lungo termine;
  • Guttalax. Una droga irritante. Il prodotto è venduto come gocce. È preso una volta al giorno prima di coricarsi;
  • Bisacodyl. Farmaco lassativo sotto forma di compresse. Oltre al rimedio precedente, ci vuole di notte. Il dosaggio è di 1 compressa alla volta. Se l'effetto dell'assunzione del farmaco non si verifica, il dosaggio viene aumentato. Può essere somministrato a bambini di età superiore ai sei anni;
  • Microlax. Un farmaco mirato ad ammorbidire le feci. Questa è una soluzione per la somministrazione rettale nel corpo. Usa solo un micro clistere alla volta. Adatto a bambini di età superiore a 3 anni;
  • Norgalax. Questo è un gel rettale che viene iniettato nell'ano una volta al giorno. Il farmaco può essere usato per trattare bambini e adulti.

prebiotici

Una delle cause della sindrome dell'intestino irritabile è una violazione della microflora. Per ripristinarlo, si consiglia di utilizzare preparati prebiotici speciali. Queste sono sostanze che contribuiscono alla creazione di un ambiente favorevole per la riproduzione di microrganismi benefici..

I prebiotici possono aiutare a normalizzare le feci. Può essere somministrato ad adulti e bambini a qualsiasi età. Aiutano a combattere la costipazione e sono gentili e sicuri. Questi includono:

  • Normase. Sciroppo orale Può essere usato per trattare i bambini da un anno. Il corso del trattamento e il dosaggio sono selezionati individualmente dal medico curante. La durata minima dell'ammissione è di 1 mese;
  • Linex. Una preparazione complessa contenente microrganismi benefici. Aiuta a combattere i sintomi IBS comuni.

Farmaco per gonfiore

La sindrome dell'intestino irritabile è spesso accompagnata da gonfiore. Per eliminare questo sintomo, vengono prescritti farmaci carminativi. I medicinali di questo gruppo promuovono l'eliminazione dei gas e ne impediscono l'ulteriore formazione..

Questa categoria comprende:

  • Espumisan. Il farmaco è disponibile sotto forma di gocce o emulsione. Può essere assegnato a bambini e adulti. Per i neonati, Espumisan può essere miscelato con latte materno;
  • Meteospasmil. Il farmaco ha immediatamente un effetto complesso. Aiuta ad alleviare i crampi e combatte il gonfiore. Il medicinale viene venduto sotto forma di capsule.

Antispasmodici come parte della terapia complessa

Se il paziente ha dolore, si consiglia di prendere antispasmodici. Questi sono farmaci che alleviano il dolore, ma non eliminano la sua causa. I fondi di questo gruppo comprendono:

  • Drotaverinum. Il farmaco riduce la peristalsi intestinale, rilassa i muscoli che sono in buona forma. Le compresse possono essere bevute durante la gravidanza, ma solo dopo aver consultato il medico;
  • Spazmalgon. Medicinale a composizione combinata. Tutti gli ingredienti del farmaco, quando interagiscono, migliorano le proprietà reciproche. Il medicinale non deve essere bevuto con ostruzione intestinale.
  • Meteospasmil. Farmaco ad azione complessa. Non solo allevia i crampi e il dolore, ma elimina anche l'aumento della produzione di gas.

Prevenzione

Per prevenire l'IBS, è necessario:

  • normalizzazione della nutrizione;
  • cambiamento di stile di vita;
  • creando uno sfondo psico-emotivo positivo.

La prognosi della sindrome dell'intestino irritabile è buona. La malattia non ha gravi conseguenze per la salute e non è pericolosa per la vita. L'auto-guarigione dopo la riduzione dello stress non è rara.

Consulente del progetto, coautore dell'articolo: Ovchinnikova Natalya Ivanovna | Gastroenterologo, Epatologo, Infezionista 30 anni di esperienza / Medico di prim'ordine, Candidato di Scienze mediche

Diploma in specialità "Medicina", Novosibirsk State Medical Institute (1988), residenza in specialità "Gastroenterologia", Russian Medical Academy of Postgraduate Education (1997)

Il ruolo della dieta nel trattamento della patologia

Con questa malattia, è più importante aderire alla dieta, piuttosto che alla rigidità della dieta. Sono necessari cambiamenti verso il corretto rapporto di proteine, grassi e carboidrati. Vale la pena mangiare spesso, ma a poco a poco, mangiare troppo può farti sentire peggio.

La dieta viene selezionata in base al tipo di sindrome. In caso di flatulenza, è importante rinunciare alla soda e ai legumi, o almeno a ridurli al minimo. Con la diarrea, la quantità di prodotti lattiero-caseari, nonché frutta e verdura nella dieta è ridotta, con costipazione, è necessario mangiare meno grassi e salati, bere più liquidi.

La dieta viene scelta rigorosamente individualmente, inoltre, anche i pazienti con una dieta già selezionata dovrebbero monitorare il loro benessere e, se appare qualcosa di fastidio, è meglio rifiutare questo cibo. Inoltre, un nutrizionista professionista può aiutare nella scelta di una dieta..

Il cibo per la sindrome dell'intestino irritabile dovrebbe essere bilanciato e variato in modo che il corpo riceva tutte le sostanze necessarie, ma è importante controllare la quantità consumata per evitare di mangiare troppo. È meglio mangiare un po ', ma spesso questo ridurrà il carico sul sistema digestivo. Dovresti anche assicurarti che i pasti vengano consumati tutti i giorni alla stessa ora, saltarli è fortemente scoraggiato..

Approcci patogenetici nel trattamento della sindrome dell'intestino irritabile

La sindrome dell'intestino irritabile (IBS) si riferisce a malattie funzionali in cui la patogenesi dello sviluppo dei sintomi non può essere spiegata da cause organiche.

La sindrome dell'intestino irritabile (IBS) si riferisce a malattie funzionali in cui la patogenesi dello sviluppo dei sintomi non può essere spiegata da cause organiche. Secondo i concetti moderni, l'IBS è un disturbo psicosociale con ridotta sensibilità viscerale e attività motoria intestinale causata da una diminuzione della soglia di percezione del dolore o da un aumento dell'intensità del dolore che spinge la sensazione con una soglia normale per la loro percezione [1].

Allo stesso tempo, si notano quasi tutte le malattie organiche del tratto gastrointestinale (GIT): ulcera peptica, malattia da reflusso gastroesofageo, tumori maligni, colelitiasi, pancreatite cronica, ecc. E, in alcuni casi, altri organi e sistemi, sintomi tipici dell'IBS. Questo fatto ha permesso a numerosi autori di suggerire l'esistenza di una sindrome di IBS sovrapposta con altre malattie o di designarli come disturbi o sintomi simili all'IBS. È importante notare che i principi del trattamento dell'IBS e dei disturbi simil-IBS sono dello stesso tipo [2].

L'IBS è considerata la malattia più comune degli organi interni. A livello globale, circa il 10-20% della popolazione adulta ha sintomi associati di IBS. Secondo la maggior parte degli studi, le donne soffrono circa 2 volte più spesso degli uomini. Il picco di incidenza cade sull'età lavorativa più attiva: 24–41 anni. I sintomi dell'IBS persistono nel tempo, possono sovrapporsi ad altri disturbi funzionali e talvolta compromettere gravemente la qualità della vita.

I seguenti fattori sono considerati nella patogenesi dell'IBS: alterata motilità gastrointestinale, ipersensibilità viscerale, disturbo di interazione nel sistema "cervello-intestino", cambiamenti autonomici e ormonali, fattori genetici e ambientali, conseguenze di infezioni intestinali e disturbi psicosociali.

Criteri diagnostici per IBS

Per diagnosticare l'IBS, vengono utilizzati i criteri diagnostici di Rome Consensus III (2006), che includono: dolore o disagio addominale ricorrente almeno 3 giorni al mese negli ultimi 3 mesi, con insorgenza dei sintomi di almeno 6 mesi associati a due o più dei seguenti segni:

1) miglioramento dopo un movimento intestinale;
2) l'insorgenza è associata a una variazione della frequenza delle feci;
3) l'insorgenza è associata a un cambiamento nella forma delle feci.

I sintomi che supportano la diagnosi ma non fanno parte dei criteri diagnostici per IBS includono:

1) violazione della frequenza delle feci: feci meno di 3 volte a settimana o più di 3 volte al giorno;
2) violazione della forma delle feci: solida o a forma di fagiolo, diluita o acquosa;
3) tensione durante l'atto di defecazione, o un bisogno imperativo o una sensazione di svuotamento incompleto;
4) secrezione di muco;
5) la presenza di flatulenza.

Figura. Scala delle feci di Bristol

Secondo i criteri di Roma III, basato sulla scala della forma fecale di Bristol (Fig.), Si propone di classificare i pazienti con IBS nei seguenti gruppi:

1. IBS con prevalenza di costipazione in presenza di feci dure o a forma di fagiolo con oltre il 25% del numero totale di movimenti intestinali, tuttavia è consentita anche la presenza di feci liquefatte (molli) o acquose con meno del 25% del numero totale di movimenti intestinali.
2. IBS con predominanza di diarrea, che è caratterizzata dalla presenza di feci molli o acquose con oltre il 25% del numero totale di movimenti intestinali, tuttavia è consentita anche la presenza di feci solide oa forma di fagiolo con meno del 25% del numero totale di movimenti intestinali.
3. Tipo misto di IBS, in cui vi è un'alternanza di feci dure o a forma di fagiolo e feci molli o acquose con il 25% o più del numero totale di movimenti intestinali.
4. Tipo non classificato di IBS - gravità insufficiente delle deviazioni nella consistenza delle feci per i tipi di cui sopra.

Va notato che nello stesso paziente, diversi sottotipi di IBS possono variare durante la malattia [3].

La diagnosi di IBS è una diagnosi di esclusione, quindi, quando è stabilita, è indispensabile identificare i cosiddetti sintomi di ansia, indicando una patologia più grave (Tabella 1).

Il sintomo principale dell'IBS è il dolore addominale

In una qualsiasi delle opzioni, il sintomo principale dell'IBS è il dolore addominale. Le varianti cliniche del dolore addominale nell'IBS sono varie e diverse. I dolori addominali possono essere: opachi, doloranti, esplosivi, vaghi, acuti, taglienti, pugnale, crampi, bruciore, di varia localizzazione e intensità. La localizzazione più comune del dolore è l'addome inferiore, meno spesso il retto. Con un'intensa intensità del dolore, è possibile la loro radiazione alla schiena. Spesso, il dolore si intensifica in posizione verticale o appare nell'ipocondrio sinistro o nella metà sinistra del torace, che è associato all'aumento e all'accumulo di gas intestinali nella parte più alta dell'intestino crasso - l'angolo splenico. Il sollievo o la diminuzione dell'intensità di questo tipo di dolore si osserva con il passaggio del gas, che viene alleviato dal paziente sdraiato a pancia in giù con i glutei sollevati, che è indicato con il termine "sindrome da flessione splenica". La presenza di quest'ultimo consente di escludere la patologia cardiaca, vascolare e polmonare come causa della sindrome del dolore. Se esiste una connessione tra dolore e assunzione di cibo, il suo aspetto o intensificazione è provocato non tanto dai suoi componenti costitutivi quanto dall'atto stesso di mangiare [4].

Trattamento di pazienti con IBS

Il programma di trattamento IBS prevede due fasi: il corso iniziale e la successiva terapia di base. Lo scopo del corso primario di trattamento è quello di eliminare i sintomi della malattia e verificare ex juvantibus la correttezza della diagnosi, che elimina la necessità di ulteriori ricerche di patologia organica e procedure diagnostiche aggiuntive. La durata del ciclo di trattamento primario è di almeno 6-8 settimane e la durata della terapia di base è di 1-3 mesi. La scelta del programma è determinata dall'interazione di diversi fattori e dipende dal sintomo principale (dolore, flatulenza, diarrea, costipazione), dalla sua gravità e impatto sulla qualità della vita, nonché sulla natura del comportamento del paziente e del suo stato mentale.

Al paziente viene prescritta una dieta di esclusione che non contiene: caffeina, lattosio, fruttosio, sorbitolo, aceto, alcool, pepe, carni affumicate e cibi che causano un'eccessiva formazione di gas.

Trattamento di pazienti con IBS con prevalenza di dolore addominale

I principali meccanismi per lo sviluppo del dolore addominale sono dovuti alla ridotta motilità intestinale e all'ipersensibilità viscerale. A seconda dello stato del tono e dell'attività peristaltica degli strati circolari e longitudinali dei muscoli lisci, si formano due tipi di disturbi motori: 1) transito accelerato del chimo attraverso l'intestino, a causa di un aumento dell'attività propulsiva dello strato muscolare longitudinale dell'intestino con lo sviluppo della diarrea; 2) ritardo nel transito del contenuto intestinale a causa dell'ipertono dei muscoli circolari (discinesia spastica) dell'intestino crasso con formazione di costipazione. Poiché lo spasmo della muscolatura liscia è uno dei componenti principali del dolore addominale nell'IBS, gli antispasmodici miotropici sono considerati i farmaci di scelta per alleviare lo spasmo di qualsiasi genesi e alleviare il dolore, specialmente nei disturbi funzionali del tratto gastrointestinale. Colpiscono lo stadio finale della formazione di ipercinesia, indipendentemente dalla sua causa e meccanismo..

La funzione motoria intestinale è sotto il controllo di numerose influenze regolatorie (sistema nervoso centrale, periferico, enterico e peptidi gastrointestinali), che determinano il tono normale e l'attività contrattile dei muscoli lisci della parete intestinale. A questo proposito, una cellula muscolare liscia può essere influenzata in diversi modi..

A seconda del principale meccanismo d'azione sugli stadi della contrazione delle fibre muscolari, si distinguono i seguenti gruppi di miorilassanti (Tabella 2). Gli anticolinergici riducono la concentrazione di ioni di calcio intracellulari, il che porta al rilassamento muscolare. È importante notare che il grado di rilassamento è direttamente proporzionale al tono precedente del sistema nervoso parasimpatico. Quest'ultima circostanza determina differenze significative nell'efficacia individuale dei farmaci in questo gruppo. Abbastanza bassa efficienza, mancanza di selettività (l'effetto su quasi tutti i muscoli lisci, incluso il sistema urinario, i vasi sanguigni, ecc., Così come sulle ghiandole secretorie) e, a questo proposito, una vasta gamma di effetti collaterali, nonché il rischio di iperrelazione delle fibre muscolari, limitano l'uso di farmaci anticolinergici per il corso del trattamento per alleviare il dolore in una proporzione significativa di pazienti con IBS.

Bloccanti della fosfodiesterasi: antispasmodici miotropici (papaverina, drotaverina) promuovono l'accumulo di cAMP nella cellula e una diminuzione della concentrazione di ioni calcio, che inibisce la connessione dell'actina con la miosina. Questi effetti possono essere raggiunti dall'inibizione della fosfodiesterasi, dall'attivazione dell'adenilato ciclasi, dal blocco dei recettori dell'adenosina o da una combinazione di entrambi. Quando si utilizza il gruppo di antispasmodici sopra riportato, è necessario tenere conto delle differenze individuali significative nella loro efficacia, mancanza di selettività, sviluppo di discinesia ipomotoria e ipotensione dell'apparato sfinterico dell'apparato digerente, specialmente con un uso prolungato. Questi farmaci vengono utilizzati per un breve periodo (da una singola dose a una settimana) per alleviare lo spasmo, ma non per un ciclo di trattamento volto a fermare e prevenire il ripetersi della malattia.

La serotonina svolge un ruolo essenziale nella regolazione della motilità gastrointestinale. Esistono diversi sottotipi di recettori della serotonina (5-NT1-4), ma il 5-NT più studiato3 e 5-NT4.Legame di serotonina a 5-NT3 promuove il rilassamento e con 5-NT4 - contrazione delle fibre muscolari. Allo stesso tempo, non sono stati stabiliti gli esatti meccanismi d'azione della serotonina sulle fibre muscolari del tratto gastrointestinale. Attualmente, l'antagonista del 5-NT è noto da questo gruppo di farmaci.3 alosetron, agonista 5-NT completo4 - prucaloprid e un agonista parziale 5-NT4 - tegaserod (i farmaci non sono usati in Russia).

Un certo valore nella regolazione della funzione motoria del tratto gastrointestinale viene assegnato agli oppiacei endogeni. Quando si legano ai recettori µ- (Mu) e δ- (Delta) dei miociti, si verifica la stimolazione e con κ- (Kappa) si verifica la decelerazione della motilità. Attualmente, nel trattamento dei pazienti con IBS, viene utilizzato un agonista del recettore degli oppiacei - trimebutina (Trimedat) - un regolatore della motilità gastrointestinale.

Tuttavia, nel trattamento di pazienti con IBS, viene data preferenza agli antispasmodici miotropici con un effetto selettivo sulle cellule muscolari lisce del tratto gastrointestinale (mebeverina, bromuro di pinaverio). Il farmaco mebeverina (Duspatalin) appartiene al gruppo dei bloccanti dei canali rapidi del sodio della membrana cellulare dei miociti, il cui meccanismo d'azione è ridotto al blocco dei canali rapidi del sodio della membrana cellulare dei miociti, che interrompe il flusso di sodio nella cellula, rallenta i processi di depolarizzazione e blocca l'ingresso del calcio nella cellula attraverso canali lenti. Di conseguenza, la fosforilazione della miosina viene interrotta e la contrazione della fibra muscolare si interrompe. Inoltre, il farmaco blocca il rifornimento di depositi intracellulari con ioni calcio, che alla fine porta solo a un rilascio a breve termine di ioni potassio dalla cellula e alla sua ipopolarizzazione, che impedisce lo sviluppo di un rilassamento prolungato del miocita. Il farmaco viene prescritto 1 capsula 2 volte al giorno 20 minuti prima dei pasti..

Nella fase finale, il lavoro equilibrato dell'apparato della muscolatura liscia dipende dalla concentrazione di ioni calcio nel citoplasma del miocita. Gli ioni calcio entrano nel miocita attraverso canali di membrana specializzati. L'apertura dei canali del calcio porta ad un aumento della concentrazione di calcio, alla formazione del complesso actina-miosina e alla contrazione dei muscoli lisci, e il blocco dei canali è accompagnato, rispettivamente, da una diminuzione della concentrazione di calcio nel miocita e dal suo rilassamento. In precedenza, è stata attirata l'attenzione sul fatto che gli antagonisti del calcio utilizzati per il trattamento delle malattie cardiovascolari (nifedipina e verapamil) hanno avuto un effetto rilassante sui muscoli lisci del tratto gastrointestinale. Questa è stata la ragione per la creazione di un gruppo di moderni antispasmodici efficaci miotropici - bloccanti selettivi dei canali del calcio dei muscoli lisci del tratto gastrointestinale. Il classico rappresentante di questo gruppo è il bromuro di pinaveria. Il bromuro di pinaverio fu registrato per la prima volta nel 1975 e da allora in tutto il mondo il farmaco viene prescritto ogni anno a circa tre milioni di pazienti. Attualmente è commercializzato in oltre 60 paesi. In Russia, il farmaco è registrato con il nome Dicetel.

Dicetel è un antagonista del calcio con un effetto antispasmodico altamente selettivo sui muscoli lisci intestinali. Ciò determina il suo uso terapeutico per il dolore addominale, la disfunzione intestinale e il disagio intestinale dovuto all'IBS. Attualmente, grazie ai risultati degli studi elettrofisiologici e farmacologici, sono stati identificati almeno quattro tipi di canali del calcio: L, T, P, N. I canali di tipo L si trovano sulla superficie della membrana citoplasmatica delle cellule muscolari lisce e sono costituiti da diverse subunità, di cui la più importante è l'alfa1- subunità. La subunità alfa1 del canale di tipo L può aprirsi a causa di una potenziale differenza sulla superficie della membrana cellulare (controllo neuronale) o indirettamente in presenza di ormoni digestivi e mediatori. Gli studi che utilizzano la clonazione del DNA e le tecniche di reazione a catena della polimerasi hanno dimostrato che la struttura della subunità alfa1 del canale del calcio delle cellule intestinali differisce da quella della subunità alfa1 dei canali del calcio nelle cellule di altri tessuti. Dicetel ha un'alta affinità per l'isoforma della subunità alfa1 del canale del calcio, che è localizzata principalmente nelle cellule intestinali, il che sottolinea l'elevata selettività del farmaco in relazione a questo organo bersaglio [5]. Pertanto, Dicetel ha un duplice effetto terapeutico duplice: non solo un effetto antispasmodico, ma anche la capacità di ridurre la sensibilità viscerale. Questi effetti si realizzano sia a causa del blocco dei canali del calcio in tensione e in quelli recettori delle cellule muscolari lisce del colon, sia a causa della diminuzione della sensibilità dei recettori muscolari intestinali agli ormoni e mediatori gastrointestinali come la colecistochinina e la sostanza P [6].

Farmacodinamica del bromuro di pinaverio, effetti terapeutici:

  • il bromuro di pinaveria ha la massima affinità per le cellule muscolari lisce del colon;
  • riduce significativamente il tempo di transito nell'intestino crasso, principalmente aumentando la velocità di passaggio attraverso le zone discendenti e rettosigmoidali dell'intestino crasso;
  • con la diarrea, il farmaco non aumenta la mobilità del colon;
  • l'inibizione non è potenziata dalla stimolazione ripetuta e differisce in quanto non dipende dalla tensione;
  • il farmaco può essere usato a lungo senza paura dello sviluppo di ipotensione intestinale.

Negli ultimi 20 anni, l'efficacia di Dicetel nell'alleviare i sintomi dell'IBS in tutti i sottotipi è stata valutata in numerosi studi multicentrici, aperti, comparativi e controllati con placebo sia in Russia che all'estero. La valutazione dell'efficacia di Dicetel da parte di ricercatori e pazienti ha dimostrato un'alta frequenza di risultati buoni e molto buoni nell'alleviare i principali sintomi dell'IBS: dolore addominale, costipazione, diarrea e gonfiore. Il farmaco allevia efficacemente e rapidamente il dolore causato dalle contrazioni spastiche della parete intestinale e ripristina il transito intestinale.

Il farmaco è stato ben tollerato, con un minimo di effetti collaterali. Una meta-analisi di 26/23 studi ha raggruppato diversi antispasmodici in base alle loro reazioni avverse rispetto al placebo. Dicetel è stato riconosciuto come un agente meglio tollerato rispetto a ioscina, trimebutina, bromuro di cimetropio, bromuro di otilonio, olio essenziale di menta piperita, bromuro di diciclomina [7]. Dicetel non interagisce con il sistema nervoso autonomo e quindi non ha effetti collaterali anticolinergici, specialmente quando si usano dosi terapeutiche. A questo proposito, il farmaco può essere utilizzato in pazienti con IBS che hanno concomitante ipertrofia prostatica, ritenzione urinaria o glaucoma. A differenza degli antagonisti del calcio standard, Dicetel in dosi terapeutiche non ha effetti cardiovascolari. Ciò è dovuto a un livello molto basso del suo assorbimento sistemico, principalmente all'escrezione epatobiliare e all'elevata specificità sia per il tessuto della muscolatura liscia intestinale che per i sottotipi dei canali del calcio. Dicetel è prescritto 100 mg × 3 volte al giorno ai pasti. Dicetel può essere combinato con lassativi sfusi (lattulosio, polietilenglicole, psilium) nel trattamento di pazienti con IBS con costipazione. In IBS con prevalenza di diarrea, l'efficacia di Dicetel può essere aumentata da una combinazione di farmaci avvolgenti e adsorbenti.

In presenza di flatulenza, i preparati Simeticone - Dimeticone possono essere aggiunti a Dicetel, il che aumenterà l'efficacia del trattamento dei pazienti con IBS.

Trattamento di pazienti con IBS con prevalenza di costipazione

In IBS con costipazione, se non vi sono effetti sulla dieta (un aumento del consumo di fibre alimentari fino a 25 g / die) e antispasmodici miotropici, i lassativi osmotici sono inclusi nel regime di trattamento, tra cui lattulosio, latte di magnesia, Psilicon-Psilium, Macrogol 4000 e altri lassativi irritanti per il trattamento dell'IBS con costipazione sono controindicati, poiché possono provocare contrazioni spastiche dell'intestino e aumentare il dolore [8].

Trattamento di pazienti con IBS con predominanza di diarrea

Se il paziente ha un leggero aumento della frequenza delle feci, è possibile utilizzare adsorbenti: carbonato di calcio, carbone attivo, dismectite, 3 g al giorno sotto forma di sospensione. Tuttavia, si deve tenere presente che l'effetto antidiarroico di questi farmaci si verifica non prima di 3-5 giorni. Con l'inefficacia della somministrazione combinata di antispasmodici e adsorbenti e un significativo aumento della frequenza delle feci, Loperamide può essere prescritto. La loperamide appartiene agli agonisti del recettore degli oppiacei m, che determina la sua capacità di sopprimere le rapide contrazioni propulsive dell'intestino e porta a un rallentamento del transito delle feci. Ciò è accompagnato da una diminuzione del passaggio della parte liquida del chimo, a seguito della quale aumenta il riassorbimento di liquidi ed elettroliti nell'intestino. La dose iniziale di Loperamide per gli adulti è di 4 mg (2 capsule). La dose di mantenimento non deve superare la dose giornaliera massima consentita per gli adulti - 16 mg (8 capsule).

Trattamento di pazienti con IBS con prevalenza di flatulenza

I sintomi intrinseci e dolorosi dell'IBS per il paziente sono gonfiore o sensazione di distensione addominale, nonché eruttazione e separazione dei gas in eccesso attraverso il retto. Questi sintomi hanno un'intensità minima al mattino e peggiorano la sera. La loro formazione non si basa tanto su un aumento del volume del gas intraluminale quanto su una diminuzione della tolleranza allo stiramento della parete intestinale. Le ragioni principali dell'eccesso di gas nell'intestino sono un aumento della sua produzione da parte della microflora intestinale, un rallentamento del transito a causa della discinesia spastica, nonché un ridotto assorbimento da parte della parete intestinale nel sangue, in particolare durante il transito rapido durante la diarrea.

Se nella clinica IBS prevalgono lamentele di gonfiore e flatulenza, con un'adeguata valutazione del ruolo della formazione di gas in ciascun caso specifico, viene mostrata la nomina dei farmaci, il cui meccanismo d'azione si basa sull'indebolimento della tensione superficiale delle bolle di gas nel tratto digestivo, che assicura il riassorbimento e il rilascio di gas libero. Uno di questi farmaci sintomatici per ridurre il gas nell'intestino è il simeticone. In caso di flatulenza, vengono prescritte 2 capsule di simeticone 3-5 volte al giorno. La somministrazione simultanea di antispasmodici migliora il transito di gas attraverso l'intestino. Va tenuto presente che nella patogenesi dell'eccessiva formazione di gas, un ruolo significativo è giocato dalla violazione della microflora intestinale.

Correzione della microflora intestinale

Di recente si sono accumulati molti dati che indicano il ruolo dei disturbi nella microflora intestinale nella formazione di IBS e disturbi simili all'IBS [9]. Ciò è particolarmente vero per i pazienti con IBS post-infettiva, in cui i sintomi si sono sviluppati dopo infezioni intestinali acute [10, 11].

I risultati di studi sperimentali e clinici hanno dimostrato che i cambiamenti nella composizione e negli habitat della microflora intestinale sono accompagnati da una ridotta attività motoria e sensibilità sensoriale dell'intestino, che è alla base della formazione di sintomi di dispepsia intestinale, tra cui dolore addominale, disturbi delle feci, flatulenza, ecc. [12, 13]. Nell'IBS con diarrea, il transito accelerato di chimi attraverso l'intestino, a causa di un aumento dell'attività propulsiva dello strato muscolare longitudinale, è accompagnato da alterati processi di idrolisi e assorbimento dovuti al contatto a breve termine di ingredienti alimentari con enzimi. Ciò crea le condizioni per lo sviluppo della crescita eccessiva batterica, l'aumento della produzione e la riduzione dell'assorbimento di gas intestinale nel sangue. Il lento transito del contenuto intestinale a causa dell'ipertono dei muscoli circolari (discinesia spastica) dell'intestino crasso con lo sviluppo della costipazione è accompagnato da un aumento della pressione intraluminale non solo nell'ampio, ma anche nell'intestino tenue e nel duodeno, nonché nello stomaco. La stasi prolungata del contenuto intestinale porta a una violazione della composizione quantitativa e qualitativa della microflora intestinale.

In presenza di crescita eccessiva batterica nell'intestino, si raccomanda una grave flatulenza, nell'identificare la microflora condizionatamente patogena nelle colture di contenuti intestinali, si raccomanda di integrare la terapia farmacologica, indipendentemente dal tipo di IBS, con la nomina di uno o due cicli di sette giorni di antisettici intestinali di un ampio spettro di azione (Alpha-normix (rifaximin), furazolidone, nifuroxazide, sulgin (sulfaguanidina), ecc. in dosi convenzionali), con una modifica del farmaco nel prossimo ciclo di trattamento e il successivo uso di probiotici (bififorme, linex, ecc.).

Trattamento psicologico

Il trattamento psicologico dovrebbe essere usato quando i sintomi dell'IBS sono refrattari al trattamento farmacologico o vi sono prove che fattori stressanti e psicologici contribuiscono a esacerbare i sintomi gastrointestinali. La comprensione da parte dei pazienti della necessità di tale trattamento è un fattore importante per il successo della terapia. Il trattamento è selezionato con la partecipazione di uno psicoterapeuta. Per l'IBS, vengono generalmente prescritti antidepressivi triciclici o inibitori selettivi del reuptake della serotonina. Lo scopo di prescrivere tali farmaci è: 1) trattamento della comorbidità mentale [14]; 2) cambiamenti nella fisiologia del tratto gastrointestinale (sensibilità viscerale, motilità e secrezione) [15]; 3) diminuzione della percezione centrale del dolore [16]. È importante capire che gli antidepressivi sono prescritti per l'IBS come farmaci che riducono direttamente l'ipersensibilità viscerale e solo secondariamente per il sollievo dei sintomi depressivi causati dal dolore. Tale terapia deve essere continuata per 6-12 mesi fino al momento della riduzione e determinazione della dose di mantenimento [17].

Per l'IBS vengono anche utilizzate varie terapie complementari: terapia fisica, fisioterapia, ipnoterapia, tecniche di biofeedback e terapia di gruppo interpersonale..

Letteratura

  1. Drossman D. A., Camilleri M., Mayer E. A., Whitehead W. E. AGA revisione tecnica sulla sindrome dell'intestino irritabile // Gastroenterologia. 2002; 123: 2108-2131.
  2. Farrokhyar F., Marshall J. K., Easterbrook B. et al. Disturbi gastrointestinali funzionali e disturbi dell'umore nei pazienti con malattia infiammatoria intestinale inattiva: prevalenza e impatto sulla salute // Infiammazione dell'intestino infiammatorio. 2006; 12 (1): 38-45.
  3. Drossman D. A. I disturbi gastrointestinali funzionali e il processo di Roma III // Gastroenterologia. 2006; 130 (5).
  4. Yakovenko E.P., Agafonova N.A., Yakovenko A.V., Ivanov A.N., Pryanishnikova A.S., Krasnolobova L.P. Il ruolo dei disturbi motori nei meccanismi di formazione delle manifestazioni cliniche della sindrome dell'intestino irritabile (IBS) e Disturbi simili all'IBS // Domande di terapia. Consilium Medicum. 2011; 1: 69-73.
  5. Morel N., Buryi V., Feron O., Gomez J. P., Christen M. O., Godfraind T. L'azione dei calcio-antagonisti sul canale del calcio di tipo L ricombinante α1-subunità // Br J Pharmacol. 1998; 125: 1005-1012.
  6. Christen M. O. Bromuro di pinaverio: un antagonista del calcio con selettività per il tratto gastrointestinale // Tendenze terapeutiche di oggi. 1995; 13 (2): 47-62.
  7. Poynard T., Naveau S., Mory B., Chaput J. C. Meta-analisi di rilassanti muscolari lisci nel trattamento della sindrome dell'intestino irritabile // Aliment Pharmacol Ther. 2001; 15: 355-360.
  8. Ramkumar D, Rao S. S. Efficacia e sicurezza delle terapie mediche tradizionali per costipazione cronica: revisione sistematica // Am J Gastroenterol. 2005; 100: 936-971.
  9. Grigoriev P.Ya., Yakovenko E.P. Sindrome dell'intestino irritabile associata a disbiosi // Consilium medicum. 2003. T. 2, n. 7. P. 305–307.
  10. Yakovenko E., Grigoriev P., Tcherenchimediins ad al. La sindrome dell'intestino irritabile (IBS) è correlata alla flora intestinale alterata? // Intestino. 1997. Vol. 41, suppl. 3. P.A. 123.
  11. Parfenov A.I., Ruchkina I.N., Osipov G.A.Trikali bitruth dicromato nel trattamento di pazienti con sindrome dell'intestino irritabile post-infettiva // Rus. miele. zhurn. 2006.Vol. 8, n. 2. P. 78–81.
  12. Dunlop S. P., Jenkins D., Spiller R. S. Caratteristiche cliniche, psicologiche e istologiche distintive della sindrome dell'intestino irritabile postinfettiva // American J Gastroenterology. 2003. Vol. 98, n. 7. P. 1578-1583.
  13. Tazume S., Ozawa A., Yamamoto T. ad al. Studio ecologico sulla flora batterica intestinale di pazienti con diarrea // Clin Infect Dis. 1993; 16. Suppl 2: S77 - S82.
  14. Lancaster-Smith M. J., Prout B. J., Pinto T. et al. Influenza del trattamento farmacologico sulla sindrome dell'intestino irritabile e sua interazione con la morbilità psiconeurotica // Acta Psychiatr Scand. 1982; 66: 33-41.
  15. Gorard D. A., Libby G. W., Farthing M. J. G. Effetto di un antidepressivo triciclico sulla motilità dell'intestino tenue nella salute e nella sindrome dell'intestino irritabile predominante nella diarrea // Dig Dis Sci. 1995; 40: 86–95.
  16. Mertz H., Fass R., Kodner A. et al. Effetto dell'amitryptiline sui sintomi, sul sonno e sulla percezione viscerale in pazienti con dispepsia funzionale // Am J Gastroenterol. 1998; 93: 160-165.
  17. Onghena P., Houdenhove B. V. Analgesia indotta da antidepressivi nel dolore cronico non maligno: una meta-analisi di 39 studi controllati verso placebo // Dolore. 1992; 49: 205-219.

N. A. Agafonova, Candidato di Scienze mediche, Professore associato
E.P. Yakovenko, dottore in scienze mediche, professore
A. S. Pryanishnikova, Candidato di Scienze mediche, Professore associato
A. V. Yakovenko, candidato in scienze mediche, professore associato
A. N. Ivanov, Candidato di Scienze mediche, Professore associato

Università medica statale russa, Mosca

Informazioni di contatto sugli autori della corrispondenza: natana_1612 @ mail. ru

Sindrome dell'intestino irritabile: trattamento farmacologico

Che cos'è la sindrome dell'intestino irritabile?

La sindrome dell'intestino irritabile è una combinazione di sintomi di un disturbo intestinale funzionale. Le ragioni possono essere disturbi del sistema nervoso, disbiosi, stress e nutrizione squilibrata..

Le principali direzioni nel trattamento della sindrome dell'intestino irritabile

  1. Correzione della nutrizione. Il paziente deve ricevere una dieta equilibrata a tutti gli effetti con una predominanza di fibra vegetale. Gli alimenti contenenti caffeina, l'alcol, il lattosio, il fruttosio, l'aceto, i cibi affumicati e piccanti e gli alimenti che aumentano la produzione di gas nell'intestino sono completamente esclusi dalla dieta.
  2. Moderata attività fisica. Per il normale tono intestinale, al corpo deve essere data una quantità minima di attività fisica ogni giorno..
  3. Trattamento farmacologico, che comprende il trattamento della disbiosi, il raggiungimento della normale attività contrattile intestinale.
  4. Trattamento di fisioterapia (massaggio, agopuntura, riflessologia).
  5. Trattamento psicoterapico.

Il trattamento della sindrome dell'intestino irritabile comprende un ciclo iniziale di terapia, che dovrebbe confermare la diagnosi corretta e una terapia di base. La scelta del regime di trattamento dipende da quali sintomi prevalgono nella clinica della malattia..

Trattare la sindrome dell'intestino irritabile predominante nel dolore

Il dolore addominale nella sindrome dell'intestino irritabile è causato dallo spasmo muscolare nell'intestino. L'aumento della contrazione muscolare porta ad un movimento accelerato del cibo digerito attraverso il lume intestinale e a frequenti feci (diarrea). Lo spasmo muscolare porta a congestione e costipazione fecali.

In ogni caso, i farmaci usati in questa forma di malattia mirano a normalizzare le contrazioni dei muscoli lisci intestinali. I farmaci di scelta sono antispasmodici miotropici. Papaverina o No-shpa (drotaverina cloridrato) hanno un effetto antispasmodico generale, cioè rilassano non solo i muscoli lisci dell'intestino, ma anche altri organi (ureteri, vasi, dotti della ghiandola). Alla luce di ciò, i gastroenterologi preferiscono gli antispasmodici selettivi (selettivi), che hanno un effetto solo sulla parete intestinale. Questi includono farmaci mebeverina (Duspatalin) e bromuro di pinaverio (Dicetel).

Come trattare i farmaci per la sindrome dell'intestino irritabile costipata?

I lassativi con proprietà osmotiche (Duphalac, Lattulosio, Normasi, Fortrans) hanno un buon effetto terapeutico. I lassativi irritanti non sono raccomandati per l'uso, poiché irritano le pareti dell'intestino, possono causare il suo spasmo e aumentare il dolore addominale.

Trattamento della sindrome dell'intestino irritabile predominante nella diarrea

A seconda della frequenza delle feci, vengono prescritti agenti adsorbenti (carbone attivo, Smecta, Enterosgel o Fosfalugel) o Loperamide. Va ricordato che gli adsorbenti hanno un effetto terapeutico dal 3 ° al 4 ° giorno di ricovero, quindi se il paziente è molto preoccupato per la diarrea, allora Loperamide viene prescritto come terapia di ambulanza.

Farmaci che alleviano la sindrome dell'intestino irritabile con una predominanza di flatulenza (gonfiore)

L'addome è gonfio di gas a causa di un aumento della sua produzione da microflora opportunistica. Inoltre, un ruolo significativo è giocato dal rallentamento del suo movimento nell'intestino a causa dello spasmo muscolare e una diminuzione dell'assorbimento di gas nel sangue a causa del rapido movimento delle feci, ad esempio durante la diarrea.

Alla luce di ciò, la correzione della biocenosi intestinale è la direzione principale nel trattamento di questa forma della malattia. Il trattamento sintomatico dell'aumento della produzione di gas sarà l'uso di preparati a base di simeticone (Espumisan). Il preparato combinato Imodium contiene simeticone e loperamide cloridrato, allo stesso tempo allevia la diarrea e riduce i sintomi di flatulenza.

Correzione della biocenosi intestinale

Durante il rapido movimento della massa alimentare attraverso l'intestino (ad esempio con la diarrea), il contatto del cibo con gli enzimi è insufficiente. Il cibo digerito in modo incompleto fornisce un buon terreno per la crescita della microflora patogena nell'intestino. Al contrario, con costipazione, si verifica un ristagno di feci e gas nell'intestino, che crea anche condizioni di squilibrio tra i rappresentanti della microflora intestinale. Pertanto, indipendentemente dalle manifestazioni cliniche dell'intestino irritabile, si raccomanda un ciclo settimanale di Furazolidone o Nifuroxazide, dopo di che vengono prescritti probiotici (Linex, Biogaya, Enterojermina).

Pubblicazioni Su Colecistite

Costipazione in un neonato: quali sono le ragioni e cosa fare per aiutare il bambino

Gastrite

Prima o poi, quasi tutte le famiglie affrontano il problema della costipazione in un bambino. Questo può accadere con l'allattamento al seno e l'alimentazione artificiale, un mese dopo la nascita o un anno dopo.

Feci nere in un adulto: cause

Gastrite

Le feci nere possono essere causate sia da cause naturali (ad esempio cibo) sia da malattie del tratto gastrointestinale, che sono accompagnate da sanguinamento interno.
Cause di feci nere negli adulti