logo

Dieta dopo l'intervento chirurgico per rimuovere la cistifellea

La colecistectomia non passa senza lasciare traccia per il corpo. Questa è una grave interferenza con il sistema digestivo. Ma se viene eseguito secondo chiare indicazioni, ciò porterà al ripristino delle normali funzioni che sono state disturbate dalla colecistite cronica e dalla formazione di calcoli nel lume di questo organo. Una dieta corretta dopo l'intervento chirurgico per rimuovere la cistifellea durante la laparoscopia aiuta a normalizzare la digestione e previene anche la formazione di nuovi calcoli.

Problemi nel periodo postoperatorio

Dopo la colecistectomia laparoscopica, la maggior parte dei pazienti affronta i seguenti problemi caratteristici:

  1. Digestione disturbata L'assenza di una cistifellea contribuisce al fatto che la bile immatura "epatica" scorre costantemente attraverso i dotti biliari nel lume duodenale. In questo caso, è difficile per il tratto digestivo far fronte a grandi quantità di cibo pesante, che porta alla comparsa di pesantezza nell'addome, tirando dolori e nausea..
  2. Riforma di pietre. Se il paziente mangia raramente, ma in grandi porzioni, i cibi grassi dominano nella dieta e conduce anche uno stile di vita sedentario, quindi il fegato formerà attivamente nuovi calcoli.
  3. Aumento della formazione di gas e gonfiore. Alla presenza di una cistifellea, satura di enzimi, la bile inibisce la crescita della microflora patogena nell'intestino. E dopo la resezione della cistifellea, la microflora intestinale sfavorevole inizia a moltiplicarsi attivamente, causando disbiosi.

Le cattive abitudini alimentari non fanno che peggiorare queste condizioni. Pertanto, a tutti i pazienti, senza eccezione, dopo l'operazione viene dato un memo con i principi di base della nutrizione per la dieta n. 5 dopo la rimozione della cistifellea. Tuttavia, l'adesione a una dieta rigorosa non è per sempre e in futuro la dieta può essere in qualche modo ampliata..

Nel tempo, il ruolo del serbatoio biliare inizierà a svolgere i dotti intraepatici ed extraepatici. Se il periodo postoperatorio procede normalmente, non dovrebbe esserci ristagno biliare. Ciò consentirà al paziente di passare alla normale alimentazione e limitarsi solo leggermente a se stesso.

Primo periodo postoperatorio

Le prime 6 ore dopo la laparoscopia, al paziente viene mostrato riposo a letto. Trascorso questo tempo, è permesso alzarsi dal letto e muoversi delicatamente. Al paziente è permesso di auto-servire e bere acqua senza gas. Non stiamo parlando di nutrizione nel primo giorno postoperatorio.

Il secondo giorno prevede pasti leggeri. In questo giorno, sono appropriati: brodo vegetale, ricotta a basso contenuto di grassi, yogurt, pollo bollito e schiacciato. I pasti dovrebbero essere frequenti, ma piccole porzioni (fino a 6 volte al giorno). Il secondo giorno, grande enfasi è posta sull'osservazione del regime di consumo per prevenire il ristagno della bile.

Dopo 48-72 ore dall'intervento, il paziente deve iniziare a seguire la dieta dopo la rimozione della cistifellea durante la laparoscopia. Da 3 a 10 giorni, il suo cibo dovrebbe essere approssimativamente come segue:

  1. Il 3-4 ° giorno dopo l'operazione, è consentito mangiare una piccola porzione di purè di patate o zuppa di verdure passata. Puoi bere tè, succhi non acidi o tè con 1 cucchiaio di zucchero.
  2. Il 5 ° giorno, puoi espandere la dieta con il pane bianco di ieri, ma non più di 4 fette al giorno.
  3. Una settimana dopo, puoi mangiare purè di cereali, purè di patate o zuppe, ricotta a basso contenuto di grassi, pollo bollito o carne di tacchino, pesce al vapore, frittata proteica. Oltre all'acqua pulita senza gas, puoi bere gelatina, tè, brodo di rosa canina. Devi bere almeno 2 litri di liquido al giorno.
  4. A partire da 8-10 giorni, la dieta può essere espansa, ma è necessario cuocere a vapore, bollire o cuocere il cibo. Cotolette, polpette di carne devono essere cotte a vapore, zuppe di latte o di verdure - purè e carne e pesce - schiacciate. Per dessert, puoi preparare budini e casseruole di cagliata. Puoi bere gelatina e succhi non acidi.

Principi di base della dieta numero 5

Dopo la laparoscopia della cistifellea, non dovresti solo rivedere il tuo menu, ma anche seguire alcune regole nutrizionali:

  1. Devi mangiare spesso (fino a 5-6 volte al giorno), ma in modo frazionario. Le porzioni dovrebbero avere approssimativamente le stesse dimensioni e i pasti dovrebbero essere nello stesso momento.
  2. Tutto il cibo dovrebbe essere caldo. Gli alimenti troppo caldi o troppo freddi dovrebbero essere vietati.
  3. La preferenza dovrebbe essere data alla cottura a vapore, così come ai cibi bolliti e al forno.
  4. Mangiare cibi grezzi dovrebbe essere evitato. Almeno i primi 3 mesi dopo l'operazione, si consiglia di pulire o macinare tutti i piatti in un frullatore.

Il compito principale del paziente dopo la laparoscopia non è di sovraccaricare il tratto digestivo con il cibo. Deve riadattarsi e adattarsi per lavorare con un numero ridotto di organi. Inoltre, è importante che l'assunzione giornaliera di cibo promuova la stimolazione intestinale e prevenga la costipazione..

Di norma, quando viene prescritta una determinata dieta, i pazienti vengono sintonizzati su più restrizioni, ma sono più interessati a ciò che possono ancora mangiare. In effetti, seguendo la "quinta" dieta, è permesso molto:

  • carni magre (pollo, coniglio, tacchino) e pesce (pesce persico, pesce persico, luccio), al vapore, bollito o al forno;
  • porridge viscido e semi-liquido fatto da qualsiasi grano;
  • zuppe di purè in brodo di carne vegetale o magro;
  • verdure al vapore o in umido;
  • latte intero e prodotti a base di latte fermentato con una bassa percentuale di grassi;
  • bacche e frutti freschi di varietà non acide, nonché bevande e dessert a base di essi;
  • crostini di pane bianco;
  • prodotti delle api.

Allo stesso tempo, c'è un elenco di alimenti che devono essere rimossi dalla dieta:

  • pesce grasso e carne;
  • grassi animali solidi;
  • latticini grassi;
  • eventuali cibi fritti;
  • conserve di carne, pesce o verdure;
  • cibi in salamoia, salse piccanti, sottaceti, carni affumicate;
  • eventuali frattaglie (fegato, reni, cervello, stomaco);
  • verdure fresche, non trattate termicamente;
  • pane fresco a base di segale o farina bianca;
  • pasticceria e farina "dolce" (involtini, muffin, pancakes, torte, pasticcini);
  • alimenti ricchi di caffeina e cacao;
  • bevande alcoliche.

Se un prodotto provoca gonfiore, eruttazione, bruciore di stomaco o dolore addominale, è meglio rifiutarlo per un po 'o ridurre la porzione.

ricette

Una settimana dopo l'esecuzione della laparoscopia, il corpo del paziente inizia a regolare nuovamente le sue funzioni digestive. Le ricette per i piatti durante questo periodo dovrebbero essere semplici e composte da 2-3 ingredienti. La maggior parte dei pazienti consuma felicemente questi alimenti:

  1. Zuppa di latte e verdure. Bollire il latte e l'acqua in una casseruola (1: 1). Quindi aggiungere cipolle, carote, patate e riso lucido. Salare al minimo e cuocere fino a cottura completa. È possibile dopo la prima settimana dopo l'intervento.
  2. Vitello cotto in un foglio. La carne deve essere pre-imbevuta nel siero di latte per 8 ore. Successivamente, il pezzo di vitello deve essere rimosso, salato, avvolto con un pezzo di pellicola e cotto a 180 ° C per 120 minuti. È possibile un mese dopo l'operazione.
  3. Soufflé di pesce. Il filetto di pesce persico deve essere bollito e tritato in un frullatore. Aggiungi tuorli d'uovo, burro e salsa di latte denso al pesce tritato. Salare la miscela e ottenere l'uniformità. Montati separatamente, i bianchi dovrebbero essere attentamente aggiunti alla massa del pesce. Mettilo in barattoli lubrificati e vaporizza.
  4. Soufflé di verdure. Può essere fatto con carote o barbabietole. La verdura selezionata deve essere grattugiata e stufata in acqua senza aggiungere olio fino a quando non è ammorbidita. Quindi aggiungere un cucchiaio di latte e albumi montati. Cuocere il soufflé in forno per 120 minuti a 180 ° C.

La dieta per la rimozione della cistifellea mediante laparoscopia prevede un normale apporto di proteine ​​e carboidrati con alcune limitazioni di grasso. Tuttavia, questa non è una dieta da fame. Se ti avvicini alla dieta con immaginazione, il paziente non si sentirà infelice e allo stesso tempo alleggerirà le sue condizioni durante il periodo di recupero..

Che tipo di dieta è necessaria dopo l'intervento chirurgico per rimuovere la cistifellea usando la laparoscopia

La cistifellea è un organo sistemico nel sistema digestivo umano. La sua rimozione apporta gravi cambiamenti al funzionamento del corpo, a seguito del quale il resto dei sistemi di supporto vitale assume un grande carico. Il corpo deve adattarsi per funzionare in assenza di uno degli organi. Affinché il processo di adattamento proceda il più rapidamente possibile, è necessario attenersi a istruzioni specifiche. Uno è la dieta dopo un intervento chirurgico alla cistifellea come la laparoscopia.

In una situazione stressante, il tratto digestivo può funzionare in modo intermittente, il che influenzerà lo stato di salute. La dieta è progettata per bilanciare la composizione delle sostanze che il corpo ha indebolito dall'operazione.

Quali sono le regole di base della dieta dopo aver rimosso la cistifellea?

Il principio di funzionamento dell'apparato digerente dopo colecistectomia laparoscopica rimarrà lo stesso. Il fegato continuerà a funzionare normalmente e produrrà un aiuto per la trasformazione degli alimenti, ma non avrà un posto dove conservare dopo la laparoscopia biliare. La conseguenza è un malfunzionamento, a seguito del quale la bile lascia il fegato e scorre in aree non destinate a esso, irritando costantemente. Per evitare questo processo, è necessaria una dieta..

La mancata osservanza delle linee guida nutrizionali creerà il rischio di ricorrere a calcoli ricorrenti e potrebbe eventualmente richiedere un altro intervento chirurgico. La laparoscopia può provocare infiammazione nello stomaco e in altri organi e solo la dieta può proteggere da tali reazioni negative. Esiste la cosiddetta dieta 5, il principio base di questa prescrizione, sviluppata da uno dei nutrizionisti più famosi, è di mangiare almeno 5 volte al giorno. Inoltre, è necessario rispettare alcuni principi di base:

  • Bevi molti liquidi.
  • Il cibo dietetico prevede metodi di cottura delicati.
  • I piatti non dovrebbero essere troppo caldi o freddi. Per rispettare queste istruzioni, è necessario mettere in anticipo cibi o bevande dal frigorifero o consentire a quelli appena cotti di raffreddarsi alla temperatura desiderata..

Mangiare dopo la laparoscopia limita alcuni cibi e non include la cottura fritta o fumando. Anche i piatti più sani dopo la frittura o il fumo avranno un effetto negativo sullo stomaco, ferito dalla laparotomia. Recensioni di persone che hanno subito la rimozione di calcoli nella cistifellea o qualsiasi malattia della cistifellea sono sature di dichiarazioni sulla necessità di una corretta alimentazione. La dieta dopo la laparoscopia, sviluppata dal Dr. Pevzner, è in grado di migliorare il funzionamento della digestione in una situazione critica. Oggi, ci sono molti video su Internet dedicati al lavoro di questo specialista..

Dieta nei primi giorni dopo la laparoscopia

È necessario iniziare a mangiare cibo nel periodo postoperatorio solo dopo 12 ore e nei primi giorni per seguire alcune raccomandazioni. La nutrizione dopo la laparoscopia della cistifellea comporta solo l'uso di piatti specifici. Una dieta speciale aiuterà a bilanciare le sostanze richieste dal corpo e questo sarà necessario dopo importanti interventi chirurgici, inclusa la rimozione della cistifellea. Possibili complicazioni:

Il cibo dopo l'intervento chirurgico dovrebbe apparire così:

  • 1 giorno. Il primo giorno, a condizione di una condizione stabile, è consentito bere acqua con moderazione e prendere alcuni cucchiai di brodo magro.
  • 2o giorno Il secondo giorno, puoi mangiare yogurt o un decotto di verdure.
  • 3 ° giorno Il terzo giorno, è ancora impossibile mangiare completamente, è consentito solo un bicchiere di brodo o kefir

Nei primi giorni è necessario bere acqua in porzioni di 2-3 sorsi, limitate a mezzo litro. Dopo 3 giorni, la dieta viene gradualmente diluita con piatti più familiari, ma in piccole proporzioni. Da 3-4 giorni è possibile aggiungere nuove bevande: tè verde, composta di frutta secca, ma non berle contemporaneamente. La laparoscopia della cistifellea farà lavorare gli altri organi con maggiore stress per un po 'e la dieta aiuterà a ridurlo. Oltre a una dieta limitata, i medici prescrivono l'uso di farmaci biliari in modo che i dotti epatici non siano intasati.

Dieta per la riabilitazione dopo la laparoscopia

Il periodo di riabilitazione è da 2 a 5 mesi. Dopo la rimozione della cistifellea con metodo laparoscopico o altro, la nutrizione si basa sull'uso di alimenti liquidi e facilmente digeribili. È necessario cucinare il cibo solo facendo bollire o usando il vapore. La predominanza di frutta e verdura nella dieta è necessaria per eliminare il carico sul corpo indebolito. Inoltre, questi alimenti sono ricchi di vitamine.

La dieta dovrebbe consistere in 5-6 pasti in piccole porzioni in modo che il cibo sia facilmente elaborato. Durante il periodo di riabilitazione, l'intero corpo è indebolito dalla rimozione di uno degli organi, all'inizio non è in grado di funzionare completamente, è in una modalità di stress costante. Solo una corretta alimentazione può mantenere il suo tono. È necessario escludere:

  • bevande alcoliche,
  • caffè,
  • cibi piccanti e salati,
  • Spezia,
  • dolci,
  • focaccina.

Da 2 mesi, dovresti diversificare costantemente la dieta aggiungendo alcuni piatti di pesce e carne. Lascia il principio della loro preparazione lo stesso del primo mese di riabilitazione. Una dieta per malattie dell'apparato digerente o con intervento radicale, rimozione della cistifellea mediante laparoscopia, consente di mangiare completamente, ma con alcune caratteristiche di cottura. Il modo in cui mangiamo, in assenza di uno degli organi, determinerà la durata e il comfort della vita, è importante ricordarlo.

Menu consigliato di giorno

Nelle prime settimane dopo l'intervento chirurgico, il menu è fortemente limitato e include bevande. Attraversando questa fase critica del recupero, una persona aiuta il sistema digestivo ad adattarsi e, con l'aiuto di restrizioni, ottiene una riduzione dello stress d'organo. Un mese dopo l'intervento chirurgico, si consiglia di utilizzare la dieta numero 5, compilata da un nutrizionista esperto. Questo metodo prevede il consumo di cibi leggeri, preparati principalmente mediante cottura o bollitura.

La dieta è piuttosto varia e comprende l'assunzione di carne magra, purea di verdure, pesce al forno e altri alimenti. Dai prodotti a base di carne è meglio usare carne di pollo bollita. Si consiglia di scegliere i porridge di cereali come contorno: grano saraceno, orzo perlato, grano e altri. Per colazione, scegli frutta e verdura. È consentito preparare insalate, in cui deve esserci una quantità limitata di pomodori. La dieta è integrata con pane nero, ma non più di 10 grammi al giorno. Sulla base di questi consigli, puoi creare un menu approssimativo per giorno:

  • 1 giorno. Colazione: porridge con latte. Pranzo: brodo con pollo, fegato con riso. Cena: purè di patate, pesce.
  • 2o giorno Colazione: insalata di verdure fresche, pane. Pranzo: zuppa di grano saraceno, pasta con cotoletta. Cena: porridge di grano con cotolette di verdure al vapore.
  • 3 ° giorno Colazione: uovo sodo, patè. Pranzo: zuppa di pollo, porridge di grano saraceno, cotoletta di pollo, insalata. Cena: patate lesse, cotolette di fegato.
  • 4 ° giorno Colazione: porridge di latte con riso. Pranzo: zuppa di sottaceti, purè di patate, verdure saltate. Cena: patate lesse, erbe, pesce.
  • 5 ° giorno Colazione: verdure bollite, pane. Pranzo: filetto di pollo bollito, riso, zuppa alle erbe. Cena: insalata di pomodori, porridge di grano con pesce.
  • 6 ° giorno Colazione: purea di zucca. Pranzo: zuppa di pesce, porridge di grano saraceno, verdure fresche. Cena: involtini di cavolo, purea di broccoli.
  • 7 giorni Colazione: ricotta. Pranzo: brodo di pollo, polpette al vapore, porridge di mais. Cena: patate lesse alle erbe, pesce al forno.

Dopo 2 ore dopo la colazione e il pranzo, dovresti anche fare uno spuntino. La scelta migliore per questo è:

Dalle bevande è possibile utilizzare tè, composte di frutta, gelatina, succhi di frutta, acqua naturale. Sbarazzati di caffè e bevande gassate nel tuo menu.

Prodotti consentiti

Dopo l'operazione, è consentito mangiare cibi leggeri in piccole porzioni. Per evitare la malattia di calcoli biliari, puoi mangiare quasi tutto ciò che era nel menu prima dell'intervento dei chirurghi, ma preparato con metodi di ebollizione. In assenza di cistifellea, verdure e frutta, saranno utili tutti i tipi di purè di patate, cucinati subito prima dell'uso, che garantiscono una rapida digestione. Cosa puoi mangiare:

  • un pesce,
  • carne al forno o bollita,
  • prosciutto,
  • uova, ma non più di una al giorno,
  • kefir magro,
  • latte intero,
  • verdure,
  • frutti di bosco,
  • frutti di mare.

Dopo che l'operazione è stata eseguita, sarà utile usare una zucca. È possibile preparare molti piatti da esso e servire in qualsiasi momento della giornata. Mangiano anche meloni, limitando la porzione a 250 grammi e anguria nelle stesse quantità. Devi sostituire il pane fresco con i cracker o il pane nero secco.

Prodotti vietati

Qualsiasi piatto a base di carne grassa, compresi brodi, salsicce, pasticcini, kefir grasso - sono tutti prodotti proibiti per le persone che non hanno un organo digestivo. È necessario escludere tutto il cibo in scatola, colpi di scena piccanti fatti in casa. Evitare l'uso di olio durante la cottura in quantità superiore a 30-50 grammi. Bevande come caffè e tè nero dovrebbero anche essere consumate con parsimonia o rimosse del tutto dal menu. Assolutamente proibito:

Mangiare qualsiasi cibo proibito può avere gravi conseguenze e, di conseguenza, compromettere l'efficacia della dieta..

Dieta dopo la rimozione della cistifellea: come mangiare all'inizio e 5 regole indispensabili per il futuro

Le pietre che non hanno risposto al trattamento conservativo sono l'indicazione principale per la rimozione della cistifellea. I medici rassicurano: i pazienti sottoposti a tale procedura chirurgica si riprendono rapidamente. E se seguono i consigli del medico e mangiano bene, possono vivere una vita piena. Che tipo di dieta è necessaria dopo la rimozione della cistifellea nei primi giorni dopo l'intervento chirurgico e in futuro?

La cistifellea è un "serbatoio" per l'accumulo di bile. La bile è coinvolta nella digestione, fornendo un passaggio dalla digestione gastrica a quella intestinale. La bile entra nel duodeno attraverso il dotto biliare comune.

Perché devi "tagliare"

L'indicazione principale per un'operazione di rimozione della colecisti - colecistectomia - è la malattia del calcoli biliari. Inoltre, a volte è necessario un trattamento chirurgico per la colecistite.

Pietre fastidiose

Con la malattia del calcoli biliari, si formano calcoli nella cistifellea o nei suoi condotti. Scientificamente parlando - calcoli. Variano per dimensioni e composizione chimica. Ci sono quelli che sono meno di un millimetro. E a volte i medici rimuovono le pietre delle dimensioni di un uovo di gallina. La formazione di calcoli nella cistifellea dura da diversi mesi a decenni..

I calcoli biliari si formano per due motivi. Innanzitutto, la bile ristagna. In secondo luogo, la qualità e la coerenza dei cambiamenti della bile a causa di disturbi metabolici.

La formazione di pietre è facilitata da:

  • la gola;
  • fame;
  • pasti irregolari;
  • diete espresse sbilanciate;
  • livelli elevati di colesterolo;
  • lavoro sedentario;
  • gravidanza;
  • alcuni farmaci ormonali;
  • obesità;
  • malfunzionamenti del pancreas.

Se i calcoli si trovano nella cistifellea stessa e non si muovono, una persona potrebbe anche non "sentirli". Ma quando le pietre vengono spostate sul collo della cistifellea, i sintomi diventeranno evidenti. Questo è un sapore amaro in bocca, nausea, vomito, "lombalgia" sotto la costola a destra.

Le pietre hanno causato infiammazione

L'infiammazione della colecisti si chiama colecistite. La causa del suo sviluppo può essere la malattia del calcoli biliari, tuttavia, la colecistite è spesso un fattore predisponente per la formazione della malattia del calcoli biliari in un paziente.

Lo sviluppo della colecistite può anche essere innescato da infezioni batteriche e parassiti. La malattia si sviluppa anche sullo sfondo della pancreatite. Altri fattori di rischio: anomalie congenite, vecchiaia, cibo secco.

I principali sintomi della colecistite comprendono dolore parossistico nell'ipocondrio destro associato all'assunzione di cibo.

La cistifellea nei pazienti con diagnosi di colecistite viene rimossa se la malattia è accompagnata da colelitiasi. La colecistite acuta è di solito trattata con farmaci. Viene anche utilizzata la fisioterapia, trattamenti spa e una dieta delicata sono raccomandati su base continuativa.

Metodo laparoscopico: approccio moderno al trattamento e alla dieta

I medici moderni supportano un collega eccezionale. Le pietre non si verificano se la cistifellea funziona correttamente. Cioè, le pietre non sono una causa, ma un effetto. E un modo più efficace di trattare questo disturbo rispetto alla chirurgia non è ancora stato inventato.

Ma la tecnologia dell'operazione stessa è balzata in avanti. Se il primo paziente di Karl Langenbuch dopo la rimozione della cistifellea ha trascorso quasi sette settimane in ospedale, ora i pazienti vengono dimessi il secondo o il terzo giorno! Inoltre, ogni anno i chirurghi hanno sempre più nuove opportunità nel loro arsenale..

Oggi, gli interventi chirurgici per rimuovere la cistifellea sono estremamente rari. Ciò è dovuto al fatto che il paziente ha bisogno di molto tempo per riprendersi dopo la sua attuazione. E aumenta anche il rischio di una serie di complicanze: ernie postoperatorie, aderenze, problemi di concepimento nelle donne.

Caratteristiche postoperatorie

Abbiamo chiesto ad Andrey Naletov, un gastroenterologo, ulteriori informazioni su come si costruisca una corretta alimentazione dopo aver rimosso la cistifellea. “La maggior parte dei pazienti non ha alcun problema dopo aver rimosso la cistifellea. Naturalmente, a condizione che soddisfino tutte le prescrizioni del medico. Tali pazienti tornano rapidamente al servizio. Si consiglia loro di seguire una dieta semplice n. 5, utile anche per persone assolutamente sane ", afferma Andrey Vasilyevich.

Tuttavia, ci sono casi in cui un paziente presenta la sindrome post-colecistectomia. Lo sviluppo di questa patologia può essere assunto quando compaiono numerosi sintomi dopo l'intervento chirurgico: un cambiamento nella natura delle feci, dolore addominale, nausea, vomito al culmine della sindrome del dolore, debolezza, letargia.

"Perché sta succedendo? La domanda è discutibile. Tra i motivi - disfunzione dell'apparato sfintere di Oddi. Questo è un tipo di valvola che regola il rilascio di bile e succo pancreatico nel duodeno. Inoltre, il paziente può avere altri problemi del tratto gastrointestinale, che non sono stati diagnosticati prima dell'intervento e, di conseguenza, non sono stati risolti. Non si può negare che la ragione della sindrome postcolecistectomia possa essere errori commessi dal chirurgo durante l'operazione ", afferma il medico..

Dieta dopo la rimozione della cistifellea: prima settimana

Pertanto, stiamo inoltre parlando della nutrizione dei soli pazienti che non hanno complicanze postoperatorie dopo la rimozione della cistifellea e problemi di salute associati. Il menu per la prima settimana dopo la colecistectomia è progettato in modo da aiutare delicatamente il corpo a sintonizzarsi per lavorare in nuove condizioni.

La dieta dopo la rimozione della cistifellea mediante laparoscopia è circa il giorno dopo giorno.

  • Il primo giorno. Uno dovrebbe astenersi da qualsiasi cibo o bevanda. Quando il paziente si sveglia, sarà preoccupato per la bocca secca. Per alleviare la condizione, il caregiver pulisce le labbra del paziente con tamponi di garza bagnati. Sono inumiditi in acqua alcalina o bollita. Dopo 5-6 ore, il paziente può sciacquarsi la bocca con decotti alle erbe non zuccherati. Ma non puoi ancora ingoiare liquidi.
  • Secondo giorno. Ora il paziente può bere un po 'di bevanda al cinorrodo non zuccherata calda, ancora acqua alcalina. Il volume totale di liquido è fino a un litro. Inoltre, nella dieta compaiono kefir magro, gelatina, tè e composta senza zucchero. Il primo pasto dovrebbe essere consumato in modo frazionario ad intervalli di 3-4 ore. Il volume di una porzione è di circa 150 g.
  • Terzo - quinto giorno. Il menu postoperatorio si sta espandendo. Ecco cosa puoi già mangiare: purè di patate, pesce bollito a basso contenuto di grassi sotto forma di pasta. E prova anche le zuppe con brodo vegetale, passato attraverso un setaccio.
  • Sesto - settimo giorno. Ora è possibile aggiungere pane secco. Introdurre il porridge dai cereali schiacciati. Sono fatti in acqua o latte, diluiti a metà con acqua. Cotolette o polpette sono preparate con varietà di carne magre. Compaiono latte magro e latte acido. Oltre a verdure bollite e schiacciate. Circa la stessa alimentazione è fornita dalla dieta "schiacciata" numero 1. La tabella numero 1 è di solito prescritta alle ulcere durante l'esacerbazione.

Menu di recupero

La dieta n. 5 dopo l'intervento chirurgico di rimozione della cistifellea è una dieta completa ma delicata. Il paziente mangia principalmente cibi bolliti o al vapore. Puoi usare un multicucina. Questo apparecchio consente di preparare alimenti che soddisfano le vostre esigenze dietetiche con un minimo di tempo. A volte puoi cuocere la ricotta o la frutta. È indesiderabile mangiare cibi crudi. Il cibo deve essere tritato. Ad esempio, la carne viene sempre trasformata in carne macinata..

Il contenuto calorico della dieta è di 2600 kcal. Dovresti mangiare spesso. Minimo - quattro cucchiai, ma meglio - sei. Di seguito sono riportati gli elenchi degli alimenti sani e malsani nella quinta tabella dopo la rimozione della cistifellea.

Tabella - Recupero dopo colecistectomia: prodotti utili e dannosi

UtileDannoso
- Fette biscottate;
- biscotti;
- liquido da cereali, verdure, latte e frutta;
- carne di manzo magra;
- una gallina;
- carne di coniglio;
- nasello, pollock, pesce persico;
- latte magro, kefir, ricotta, panna acida;
- uova di gallina - principalmente proteine;
- grano saraceno;
- semolino;
- riso;
- fiocchi d'avena;
- set di verdure amidacee, frutta e bacche non acide - per lo più trattati termicamente;
- miele;
- caramello;
- marshmallow;
- thé con latte;
- composta;
- Bevanda al cinorrodo;
- sale - fino a 10 g;
- zucchero - fino a 80 g;
- olio vegetale raffinato - con moderazione
- Pane fresco;
- torte fritte, burro, sfogliatine;
- caffè;
- bibita;
- alcool;
- tè verde e rosso;
- frutta fresca;
- brodi di pesce, carne e funghi;
- Maiale;
- strutto;
- strutto;
- frattaglie;
- salsicce e salsicce;
- cibo in scatola;
- pesce rosso, salato e affumicato;
- caviale;
- bastoncini di granchio;
- gamberetto;
- piselli, lenticchie e altri legumi;
- cereali "pesanti";
- latte grasso;
- Acetosa;
- ravanello;
- melanzana;
- cipolla;
- aglio;
- prezzemolo;
- aneto;
- agrumi;
- noccioline;
- cioccolato;
- gelato;
- olio di mucca;
- olio vegetale non raffinato

Esempio di menu giornaliero per un paziente che si sta riprendendo da colecistectomia.

  • Colazione numero 1 Crocchetta di pesce al vapore. Patate bollite schiacciate. Tè.
  • Colazione numero 2. Ricotta a basso contenuto di grassi, montata con un frullatore fino a diventare pastosa.
  • Pranzo. Zuppa di riso in brodo vegetale. Grano saraceno. Purea di manzo bollita. Composta.
  • Spuntino pomeridiano. Biscotti Galette Bevanda al cinorrodo.
  • Cena. Patè di petto di pollo bollito. Farina d'avena in acqua o mezzo latte. Kissel dai frutti.
  • Due ore prima di coricarsi. kefir.

Altre ricette accettabili includono casseruola di cagliata, charlotte, spezzatino di coniglio, carne macinata e casseruola di patate grattugiata, mela grattugiata e torta di carote.

Come continuare a vivere e mangiare

Quanto dura il periodo di recupero? Tutto è individuale. Secondo le recensioni, alcuni pazienti tornano alla loro vita normale dopo 1 mese. Allo stesso tempo, si vantano su forum tematici che, come prima, si concedono fast food, dessert alla crema e persino feste alcoliche il venerdì.

I medici, per dirla in parole povere, non approvano tali "esperimenti" alimentari. Sì, i pazienti che hanno subito colecistectomia non dovrebbero mangiare solo "malashi" per il resto della loro vita.
Ma la dieta dopo un mese di rimozione della cistifellea non dovrebbe finire come se nulla fosse successo. Devi uscirne gradualmente, da qualche parte durante l'anno.

Ad esempio, dopo circa 3 mesi, puoi tranquillamente passare a cibi scomodi, cucinare cereali ordinari e preparare primi piatti di carne. E le verdure e la frutta fresche sono meglio aggiunte al menu non prima di 6 mesi dopo. Allo stesso tempo, ci sono regole perentorie che dovranno essere rispettate tra sei mesi e dieci anni...

Il gastroenterologo Andrey Naletov raccomanda che quei pazienti che vivono senza cistifellea rispettino cinque regole.

  1. C'è un pochino Ora, quando il corpo non ha spazio per la bile, la secrezione passa direttamente dal fegato all'intestino. Ciò significa che la bile è meno concentrata. Questo è sufficiente per gestire modeste quantità di cibo. Ma grandi porzioni sono già molto difficili da digerire per il corpo. Lo stomaco da eccesso di cibo farà male, forse nausea, vomito, frustrazione.
  2. Ci sono spesso. Un minimo di 4-5 cucchiai. Questo è importante per evitare la bile stagnante. Dopotutto, il segreto può accumularsi nei dotti, che è irto della formazione di nuove pietre nei dotti intraepatici..
  3. Limita il colesterolo. Ancora una volta, l'aumento del contenuto di questa sostanza nel corpo è uno dei motivi principali per la comparsa di calcoli..
  4. Muoviti e guardati. La dieta dopo la rimozione della cistifellea presuppone che il paziente non solo cambierà le sue abitudini alimentari, ma riconsidererà anche il suo atteggiamento verso se stesso e la sua salute. È necessario riordinare il peso, smettere di fumare, imparare a evitare lo stress e dormire a sufficienza. È importante prendersi cura dell'igiene personale e domestica. Inoltre, hai bisogno di attività fisica. Sono la prevenzione di processi stagnanti nei dotti biliari. Già 1 mese dopo l'operazione, puoi iniziare a praticare la camminata quotidiana. In futuro, vale la pena fare esercizi. Come opzione: registrati per nuotare.
  5. Mantieni la microflora. È stato detto sopra che la bile neutralizza i microrganismi dannosi nell'intestino. Dopo l'intervento chirurgico per rimuovere la cistifellea, la funzione battericida della bile è indebolita. Di conseguenza, il paziente può soffrire di costipazione o, al contrario, di feci molli. Una consultazione con un gastroenterologo è richiesta qui. Forse, al paziente dopo la colecistectomia saranno raccomandati farmaci per ripristinare la microflora. E come misura preventiva, si consiglia di abbandonare i dessert. È meglio sostituire i dolci con le bacche..

Il gastroenterologo sottolinea che i problemi con la cistifellea non derivano da zero. E il paziente viene dai chirurghi per una combinazione di motivi. E gli errori nutrizionali sono tra i più significativi. Pertanto, se un paziente dopo colecistectomia vuole evitare nuovi problemi di salute, dovrà comunque cambiare. In particolare, la dieta dopo l'intervento chirurgico per rimuovere per sempre la cistifellea tabù alcol, lardo, grassi, affumicati e salati.

Quale dovrebbe essere la dieta dopo la rimozione della cistifellea nei primi giorni e dopo 1 mese?

La dieta dopo la rimozione della cistifellea è una parte importante del processo di riabilitazione, necessaria per l'adattamento del sistema digestivo a nuove condizioni di funzionamento. Qualsiasi intervento chirurgico è un grave stress per il corpo. Tuttavia, rimuovere la cistifellea (colecistectomia) non è un disastro. Dopo l'operazione, il paziente può condurre una vita lunga e appagante, osservando una dieta speciale.

Perché viene eseguita un'operazione di colecistectomia??

La cistifellea è un organo importante necessario per la normale digestione. È una specie di serbatoio in cui si accumula (si accumula) la bile. Quindi la secrezione biliare, se necessario, entra nel duodeno e partecipa al processo di digestione del cibo e all'assorbimento di vitamine e grassi a rapida dissoluzione.

Le malattie della cistifellea (colelitiasi, colecistite, colangite) portano all'organo a perdere gradualmente le sue funzioni. Una cistifellea non funzionante rappresenta una grave minaccia per la salute, poiché esiste il rischio di infiammazione purulenta e sviluppo di peritonite. Una condizione grave che richiede un intervento chirurgico immediato si verifica anche quando il dotto biliare è bloccato da una pietra.

La rimozione della cistifellea aiuta ad evitare gravi conseguenze per la salute. Oggi, le operazioni addominali non vengono praticamente eseguite, ricorrendo al metodo della laparoscopia, quando l'organo interessato viene rimosso attraverso una piccola puntura nella cavità addominale. Questo aiuta a ridurre al minimo le complicanze postoperatorie e ad abbreviare significativamente il periodo di riabilitazione..

La vita di una persona con una cistifellea rimossa è assolutamente completa e differisce dalla vita di una persona normale solo in quanto dopo l'operazione, dovrai aderire a un certo schema dietetico, poiché la rimozione di un organo importante cambia lo stesso modello di digestione. Ciò significa che la dieta dopo colecistectomia deve essere seguita rigorosamente, senza di essa, la remissione del paziente è impossibile. Dovrebbe diventare parte della vita, ma in nessun caso dovrebbe essere percepito come una specie di frase o uno stato di inferiorità.

Cosa succede dopo l'intervento chirurgico?

Dopo l'intervento chirurgico per rimuovere la cistifellea, il fegato continua a produrre bile, ma il serbatoio in cui è immagazzinato non è più lì. Pertanto, l'onere ricade sui dotti biliari. Naturalmente, non svolgono le funzioni di un organo remoto, ma dirigono solo la bile dal fegato al sistema digestivo. Poiché la bile prodotta non ha un punto in cui accumularsi, la sua concentrazione diminuisce ed entra costantemente nell'intestino, in una forma "diluita" e in un grande volume.

Un tale cambiamento può essere irto di infiammazione dei dotti biliari e del duodeno. Inoltre, poiché la bile non ha alcun punto di concentrazione, la quantità di enzimi responsabili della scomposizione dei grassi è molto più bassa. Questo punto deve essere preso in considerazione dalla dieta dopo l'intervento chirurgico per rimuovere la cistifellea..

Come mangiare subito dopo l'intervento chirurgico?

Per le persone che vivono con una cistifellea rimossa, due regole nutrizionali dovrebbero diventare un assioma:

  • devi mangiare spesso e poco a poco, in modo che la bile non ristagni nell'intestino, ma venga immediatamente consumata;
  • il cibo non dovrebbe essere pesante e grasso, in modo che un basso livello di concentrazione biliare sia sufficiente per la sua scomposizione e assorbimento.

Per quanto riguarda lo schema di potenza stesso, dipende da due fattori:

  • dal tempo trascorso dal giorno dell'operazione;
  • il modo in cui è stata eseguita la colecistectomia.
Dieta dopo laparoscopia

Questo metodo di rimozione degli organi è il più moderno e meno traumatico. Il paziente, di norma, viene dimesso già il 3 ° giorno dopo l'operazione, ma la dieta dopo la rimozione della cistifellea mediante laparoscopia implica le stesse restrizioni di durante un'operazione chirurgica convenzionale.

Il primo giorno dopo l'operazione, non solo puoi mangiare, ma anche bere acqua. Puoi inumidire le labbra solo con un panno umido o sciacquare la bocca con decotti alle erbe. Quindi gradualmente al paziente viene permesso di bere un po '(brodo di rosa canina, acqua bollita) e dopo tre giorni iniziano gradualmente a introdurre nella dieta gli alimenti consentiti. Il paziente deve quindi seguire una rigorosa dieta 5a e seguire una dieta frazionata. Cioè, mangiare spesso e poco a poco (5-6 volte al giorno) alle stesse ore. I principi di base della dieta dopo la rimozione della cistifellea:

  • Il più gentile possibile. Ciò significa che tutti i piatti vengono serviti in una forma schiacciata e bollita, che facilita il processo di digestione..
  • Trattamento termico. I piatti sono al vapore, bolliti, in umido o al forno. Un metodo di cottura come la frittura è completamente escluso. Tutti i piatti devono essere trattati termicamente, sono esclusi alimenti pesanti, verdure e frutta con fibre grossolane.

Quali alimenti sono vietati?

Le ricette per una dieta dopo la rimozione della cistifellea sono diverse e varie, un nutrizionista aiuterà sempre a sviluppare e selezionare l'opzione di menu migliore per ogni giorno. Pertanto, non dovresti essere troppo impiccato nell'elenco dei piatti, ma devi ricordare quali alimenti dovrebbero essere permanentemente esclusi dalla dieta:

  • spezie, erbe;
  • cipolla;
  • ravanello;
  • aglio;
  • ravanello;
  • funghi;
  • carne grassa;
  • Grasso;
  • grassi di manzo, agnello e anatra;
  • salsicce affumicate e semi-affumicate:
  • carni grasse e pesce;
  • bevande gassate;
  • Confetteria (torte, pasticcini), dolci;
  • dolci ricchi;
  • piselli, fagioli;
  • gelato;
  • carne in gelatina, piatti in gelatina;
  • Noodles istantanei;
  • l'intera gamma di fast food;
  • verdure in salamoia e in scatola;
  • caviale di pesce;
  • carne di anatre, oche, selvaggina e prodotti da caccia, ad esempio carne di alce, orso, ecc.;
  • divieto assoluto di alcol.

Per quanto riguarda altre restrizioni, oltre al modo in cui il cibo viene lavorato, anche la sua temperatura è importante, non dovrebbe essere calda o fredda, cioè i piatti dovrebbero essere serviti caldi.

Prima settimana senza cistifellea

I momenti più severi e psicologicamente difficili di restrizione nella dieta e nello stile di vita sono la dieta dopo la rimozione della cistifellea nei primi giorni dopo l'intervento chirurgico. Include un adattamento di otto giorni di una persona a nuovi processi di fisiologia della fisiologia:

  • Il primo giorno. Entro 24 ore dal completamento dell'operazione, un completo divieto di mangiare, incluso bere. In realtà, non è così spaventoso come sembra, perché il più delle volte il paziente dorme..
  • Secondo giorno. Puoi bere acqua bollita calda, un decotto di rosa canina e frutta secca senza zucchero (non più di 150 ml alla volta).
  • Il terzo giorno. Succo di zucca, carota o barbabietola, mezzo diluito con acqua, kefir senza grassi, tè non zuccherato e debole.
  • Quarto giorno. È possibile includere gradualmente nella dieta purea di verdure liquide, purè di zuppe vegetariane. Una volta, la quantità di cibo non dovrebbe essere superiore a 100 grammi e devi mangiare 8-10 volte al giorno.
  • Il quinto giorno Pane integrale di prodotti da forno di ieri, biscotti, purè di verdure bollite, pesce a vapore magro vengono aggiunti alla dieta.
  • Sesto giorno Nel menu puoi inserire porridge, farina d'avena, miglio e grano saraceno. Il porridge deve essere ben bollito in acqua e strofinato.
  • Settimo giorno Puoi iniziare a mangiare tutti i prodotti a base di latte fermentato a basso contenuto di grassi e purea di frutta e verdura (alimenti per bambini), prodotti a base di carne di pollo tritata (gnocchi al vapore, cotolette, soufflé).
  • Ottavo giorno Le porzioni vengono gradualmente aumentate, ma non più di 200 grammi per pasto e il numero di pasti al giorno è ridotto a 6-8.

Di norma, una settimana dopo il completamento dell'operazione, viene eseguito un esame completo, a seguito del quale i medici raccomandano un'ulteriore alimentazione. Sin dai tempi sovietici, ci sono state le cosiddette schede dietetiche numerate nell'assistenza sanitaria, che hanno tenuto pienamente conto delle specificità della malattia e sono state intese come promemoria per il paziente. Il più raccomandato e universale per i pazienti con cistifellea rimossa è "Dieta n. 5".

Tabella 5 - dieta dopo la rimozione della cistifellea

A prima vista, può sembrare che la dieta 5 dopo la rimozione della cistifellea sia molto severa e scarsa. Tuttavia, non lo è. Se hai voglia e tempo, puoi diversificare in modo significativo il menu e scoprire molti piatti sani e gustosi. Ecco un menu di esempio per una settimana che puoi prendere a bordo.

Colazione

(diviso in due passaggi)

PranzoSpuntino pomeridiano

(diviso in due passaggi)

(diviso in due passaggi a piacere o secondo necessità)

MonPorridge

Pezzo di pesce al vapore con verdure

Insalata di verdure al vapore con formaggio

Dieta dopo la rimozione della cistifellea (laparoscopia) per mesi

Laparoscopia: la rimozione della cistifellea comporta un grave aggiustamento dietetico. Il paziente è tenuto a seguire una dieta laparoscopica speciale per mesi. Abbiamo cercato di dettagliare la dieta per ogni mese dopo l'operazione.

Uno dei metodi di trattamento della colecistite acuta e cronica è la laparoscopia. Questa è una moderna operazione chirurgica, la cui essenza si riduce a una puntura nella parete addominale per rimuovere la cistifellea. Questa procedura è praticamente indolore e minimamente traumatica. Dopo l'operazione, il paziente è in ospedale per un massimo di 2 giorni. La chirurgia mini-invasiva viene eseguita in circa il 95 percento dei casi. Ma se ci sono complicazioni derivanti dalla colecistite, è necessario un intervento chirurgico aperto.

In ogni caso, il periodo postoperatorio è associato a una serie di inconvenienti per il paziente. Compreso seguire una certa dieta per molto tempo.

Perché è necessaria una dieta

La rimozione della cistifellea non interrompe la produzione di bile nel corpo. Il fegato continua a funzionare, la bile viene secreta nello stesso volume di prima. E aumenta il rischio del suo accumulo nei dotti, che può danneggiare l'intestino. Per prevenire questa situazione, è importante seguire una dieta rigorosa. La nutrizione frazionata è di grande importanza: ciò consentirà alla bile di uscire in tempo, proteggendo l'intestino da iniezioni impressionanti e anche prevenendo la formazione di calcoli nei dotti.

È sui dotti che dopo un po 'giace la funzione della cistifellea assente. Questo diventa possibile seguendo la dieta per molto tempo. Ci vuole circa un anno in media fino al ritorno alla solita dieta dal momento dell'operazione.

I medici raccomandano l'adesione alla dieta numero 5. E ci sono alcune regole riguardanti la nutrizione per i primi giorni dopo l'intervento chirurgico, settimane, mesi, ecc. In tutte queste fasi, la dieta e le raccomandazioni saranno diverse..

Periodo di recupero e sue caratteristiche

Se la tua salute ti è cara e non vuoi problemi ancora più gravi con il tratto digestivo, dovrai fare i conti con un nuovo modo di vivere. Prima di tutto, dovrai regolare le proporzioni dei nutrienti che entrano nel corpo con il cibo..

Per un giorno, la dieta è costruita come segue:

  • Proteine: la loro quota è del 25 percento. Sono necessari per normalizzare il fegato e attivare il processo di rinnovamento delle sue cellule. Ciò significa che la dieta deve contenere pollame, latticini e pesce..
  • Grassi: la percentuale di queste sostanze è del 25 percento. Il loro consumo dovrebbe essere ridotto per il motivo che i calcoli nei dotti della cistifellea si formano dal colesterolo. Ma è importante rinunciare agli alimenti contenenti colesterolo e lasciare quelli che contengono grassi insaturi. Questi sono oli vegetali. Aiutano a ridurre il rischio di formazione di calcoli e accelerano il diradamento della bile..
  • I carboidrati sono il restante 50 percento. Devi sceglierli il più attentamente possibile. Ad esempio, cereali e prodotti da forno possono causare l'acidificazione della bile. Questo porta alla formazione di pietre. E i carboidrati "leggeri" danno slancio per interrompere i processi metabolici nel corpo e possono contribuire all'aumento di peso. Con l'aiuto di un nutrizionista, puoi trovare l'equilibrio ottimale tra l'uno e l'altro gruppo di carboidrati..

Inoltre, dopo tale operazione, ai pazienti vengono sempre prescritte vitamine del gruppo K e B, acido ascorbico. È necessario mantenere la normale funzionalità epatica..

Considera quali abitudini alimentari devono essere introdotte in ogni fase del periodo di recupero dopo la laparoscopia.

I primi giorni dopo l'intervento chirurgico aperto

Per le prime 12 ore dopo aver lasciato la sala operatoria, è vietato consumare non solo cibo, ma anche acqua. Il paziente deve essere monitorato dal personale ospedaliero. Puoi combattere la sete strofinandoti le labbra con una spugna umida. Trascorse 12 ore, è consentita una piccola porzione di gelatina o zuppa.

Mentre sei ancora in ospedale, dovresti già iniziare a sviluppare l'abitudine di mangiare frazionalmente, cioè una volta ogni 2 ore e in porzioni simboliche. È molto importante bere abbastanza acqua - almeno 1,5 litri.

Dopo che sono trascorse 24 ore dall'operazione, è consentito qualcosa dall'elenco:

  • Brodo d'orzo perlato.
  • Gelatina Di Frutta.
  • Brodo di carne debole.

Dal 3 ° al 5 ° giorno, puoi leggermente espandere la dieta:

  • Zuppe viscose con brodo vegetale.
  • Purè di patate.
  • Frittate al vapore.
  • Succhi (non zuccherati e non acidi).
  • Tè (leggermente zuccherato).

Il 7 ° giorno, puoi iniziare ad aggiungere a poco a poco quanto segue:

  • Latticini.
  • Pesce bollito.
  • Dieta a base di carne.
  • Ricotta a basso contenuto di grassi.
  • Pane secco (non più di 100 gr.).
  • Succhi naturali, tè leggermente dolce, acqua naturale.

Una settimana dopo l'operazione, se non ci sono complicazioni o problemi, il paziente passa alla dieta n. 5.

Se stiamo parlando di laparoscopia, che non è traumatica come un'operazione aperta, allora puoi mangiare già nelle prime 12 ore. Sono consentite zuppa e gelatina. E il passaggio alla dieta numero 5 è raccomandato il terzo giorno.

Prima settimana dopo la dimissione

L'alimentazione frazionata è la chiave del successo del recupero del corpo dallo stress. Inoltre, è necessario assumere cibo ogni giorno alle stesse ore..

La dieta n. 5 raccomanda esclusivamente piatti bolliti e in umido o al vapore. L'elenco dei prodotti accettabili comprende:

  • Zuppe di verdure e latte.
  • Carne di gallina.
  • Pesce con verdure.
  • Carni magre (ad es. Polpette, polpette, cotolette).
  • Pasta (ma solo di farina. Varietà).
  • Porridge a base di cereali integrali.
  • Frittata di vapore proteico.
  • Formaggio adyghe.
  • Pastila e marshmallows.
  • Brodo di rosa canina, acqua minerale, tè non zuccherato.

Menu per la prima settimana dopo la dimissione dall'ospedale

ColazionePranzoPranzoSpuntino pomeridianoCena
LunediOrzo perlato bollito (tritato)Gelatina Di FruttaBrodo di polloDecotto di rosa caninaYogurt naturale
martedìSoufflè di caroteYogurtBarbabietole bolliteacquaSucco diluito da frutti non acidi
mercoledìSoufflé Di VerdureGelatina Di FruttaBrodo di carne magroDecotto di rosa caninaYogurt naturale senza additivi
giovediCagliata zapenkankaBiokefirRotolo di pollo in ottoneYogurtFrittata di albumi al vapore
VenerdìPorridge d'orzoGelatina Di FruttaSoufflé di carneZuppa di latteFormaggio adyghe
SabatoFrittata di vapore proteicoacquaPurea di caroteBarbabietole bollite e purè di patateYogurt naturale
DomenicaFiocchi d'avenaKissel da frutti non acidiSoufflé di pesceCasseruola di ricottakefir

Questo menu ti farà rispettare la prima settimana dopo la dimissione dall'ospedale.

La consistenza del cibo e la temperatura di servizio sono importanti. Il cibo non dovrebbe essere né freddo né caldo.

Dopo un mese

Questo periodo di riabilitazione consente di espandere ulteriormente la dieta. Ma è importante seguire le regole e le linee guida. Nell'ambito della dieta numero 5, l'uso di:

  • Carne grassa. Vietato anatra, manzo, maiale, agnello ad alto contenuto di grassi, strutto.
  • Cibo fritto. Il cibo che attraversa questo processo deve essere trattato con bile altamente concentrata. Ma dopo la laparoscopia è assolutamente impossibile..
  • I brodi grassi ricchi e le zuppe dovrebbero essere completamente eliminati.
  • Salse e condimenti piccanti possono causare un'eccessiva produzione di bile.
  • Sono vietati i piatti con margarina e burro.
  • Alcol: vini secchi e champagne.
  • Alcune verdure: aglio, cipolla, acetosa, spinaci.
  • I cibi freddi dovrebbero essere evitati: niente gelati, niente bevande fredde. Ciò può portare a spasmi nel tratto biliare..
  • Le bevande gassate, compresa l'acqua, sono completamente escluse.
  • Gli alimenti acidi, incluso il vino secco, sono severamente vietati. Questa categoria comprende anche frutta acida, sottaceti, aceto.

Menu tra la prima settimana e il primo mese

ColazionePranzoPranzoSpuntino pomeridianoCena
LunediGrano saracenoFormaggio adygheZuppa di verdureFrittata al vaporekefir
martedìBianchi d'uovo sodoTisana con marshmallowBrodo di pollo e soufflé di carneAcqua mineraleYogurt
mercoledìCasseruola di ricottaInsalata di carote e barbabietole (bollita)Zuppa di latte con verdureRotolo di pollo in ottoneFrittata di vapore proteico
giovediPorridge Di GranoBrodo di cinorrodo con marshmallowPasta Dura.Purea di verdurekefir
VenerdìFiocchi d'avenaAcqua mineralePurè di patate con una piccola porzione di cotolette di pollo tritate al vaporeFormaggio adygheYogurt
SabatoPorridge d'orzoKissel da frutti non acidiZuppa di pesce magroCasseruola di ricottakefir
DomenicaGrano saracenoKissel da frutti non acidiZuppa di verdure con brodo di polloRotolo di pollo in ottoneAcqua minerale

Questo menu deve essere seguito dopo la fine della prima settimana dopo la dimissione dall'ospedale e fino a quando sono trascorsi 30 giorni. La dieta diventa più varia, tuttavia, la frequenza e la frequenza dei pasti non cambia.

2 mesi dopo

Durante questo periodo, si consiglia di concentrarsi sugli alimenti proteici e scegliere alimenti che non irritano il sistema digestivo. A condizione che dopo 2 mesi dalla data dell'operazione, nulla ti dia fastidio e non ci siano complicazioni, puoi aggiungere al menu:

  • Zuppa di pollo senza friggere.
  • Verdure: zucca, carote, zucca, cavolfiore, barbabietole, zucchine (si consiglia lo stufato).
  • Pesce bollito o in umido. Il pesce in gelatina è una buona opzione.
  • I frutti di mare sono un'ottima soluzione se hai bisogno di cibi proteici (gamberetti, cozze, calamari).
  • Ricotta, ma solo a basso contenuto di grassi.
  • Dessert (marmellata, mele cotte).

Menu 2 mesi dopo l'intervento

ColazionePranzoPranzoSpuntino pomeridianoCena
LunediOrzo perlato bollitoMela cottaCarote e polpette al vaporeFrittata al vaporeBaccalà Bollito
martedìSoufflé di risoTè con marshmallowVellutata di zucca con crostini. Rotolo di pollo in ottoneGelatina Di FruttaCalamari e cozze
mercoledìFarina d'avena, 1 proteina bollitaYogurt naturaleZucchine in umido e tacchino in umidoDecotto di rosa caninaFormaggio scremato
giovediGrano saraceno. Frittata proteicaMarmellataCotolette di cavolfiore e pollo al vaporeYogurtPesce gatto brasato (pesce)
VenerdìFormaggio scrematoTè alle mele al fornoZucca e vitello nel siero di latteZuppa di latte con verdureCasseruola di ricotta
SabatoOrzo perlato bollitoYogurt naturaleBarbabietole bollite e un piccolo pezzo di stufato di manzoBarbabietole bollite e purè di patateGamberetto
DomenicaFrittata di vapore proteicoTè alla marmellataPurè di patate e pollo bollitoStufato di verdureSoufflé di pesce con purè di patate

Dopo 3 mesi, c'è una dipendenza dal nuovo modo di vivere. L'elenco degli alimenti si sta espandendo nell'ambito della dieta 5. A questo punto, lo stato di salute è migliorato in modo significativo (soggetto a tutte le regole e raccomandazioni).

Una transizione completa verso una dieta corretta senza pressioni e tormenti morali avviene entro circa un anno. Le abitudini alimentari sono fermamente stabilite durante questo periodo. Dovresti capire che un breakdown laparoscopico non è lo stesso di un normale breakout dietetico. In questo caso, l'inosservanza delle raccomandazioni nutrizionali è irta di gravi conseguenze, fino a esacerbare i problemi di salute e il ricovero in ospedale..

Opzione di menu durante tutto l'anno

ColazionePranzoPranzoSpuntino pomeridianoCena
LunediPorridge di grano saraceno sfuso con olio vegetale.Tè al latte e formaggio AdygheBorscht vegetariano. Vitello bollito Composta di frutta.Decotto di rosa caninaPesce magro bollito. Spezzatino di zucchine, cavolfiore e carote.
martedìFiocchi d'avena. Frittata al vapore.Composta di fruttaZuppa di verdure con polpette di carne. Cotolette di pollo al vapore con purea di carote.Yogurt naturaleFormaggio scremato. Tè al latte e pastiglia.
mercoledìPorridge di grano saraceno con olio vegetale.Mela cottaFiletto di merluzzo al vapore, verdure in umido.KisselCasseruola di ricotta. Composta.
giovediBudino di riso o cagliataInsalata di cavolfiore e carotaZuppa di latte. Manzo bollito, purea di verdure.Frutti di mare: calamari, cozze, gamberi.Polpette al vapore di Krinke con verdure in umido.
VenerdìFormaggio scremato. Thé con latte.Yogurt naturaleCarne bollita con salsa al latte. Spezzatino di carote.Decotto di rosa caninaMerluzzo al vapore. Purè di patate. Tè alla menta.
SabatoOrzo perlato bollito. Composta di frutta.Casseruola di ricottaZuppa vegetariana (qualsiasi). Vitello bollito con purea di verdure.Mela cottaGamberetto
DomenicaFrittata di vapore proteico. Composta di frutta.Tè al latte e formaggio AdygheVellutata di zucca. Purè di patate, zucchine in umido e vitello nel siero di latte.Cavolfiore impanatoPesce bollito Stufato di verdure. Per la notte 1 bicchiere di kefir.


Ricorda che le opzioni di menu presentate sono opzionali. È possibile, a propria discrezione, regolare la dieta nel quadro dei principi e delle regole di cui sopra. essere sano!

Pubblicazioni Su Colecistite

Come si può curare l'infezione da Helicobacter pylori nello stomaco??

Lipomatosi

Come trattare l'infezione da Helicobacter pylori e che cos'è? Questa infezione viene trasportata nel corpo da un batterio resistente agli acidi che penetra nello stomaco umano nella prima infanzia e poi rimane lì per sempre..

Semi di zucca per vermi

Lipomatosi

I semi di zucca per i vermi sono uno dei modi popolari più popolari per espellere i parassiti dal corpo. Il vantaggio principale dei semi di zucca rispetto ai farmaci antielmintici è la sicurezza per la salute umana.