logo

Ancora un passo

L'intestino umano è uno degli organi più importanti, poiché non solo ci fornisce sostanze nutritive, ma rimuove anche i composti dannosi dal corpo e mantiene l'immunità. Tale complesso nella sua struttura e funzioni, tuttavia richiede un atteggiamento attento e attenzione alle sue condizioni. Per rispondere alla domanda su quanti metri può essere l'intestino di un adulto, è necessario comprenderne la struttura, determinando la lunghezza di ogni sezione.

Struttura intestinale

Essendo un intero organo, l'intestino è costituito da diverse sezioni che si incrociano, queste sono:

  • duodeno;
  • intestino tenue;
  • colon;
  • retto.

L'intestino umano, la cui foto è presentata sopra, ha una struttura anatomica complessa. Tutti i principali dipartimenti sono chiaramente visibili qui..

Più in dettaglio, l'anatomia dell'intestino umano è rappresentata da sezioni più piccole:

  • duodeno;
  • digiuno e ileo;
  • cieco;
  • due punti trasversali ascendenti e discendenti;
  • sigmoide e retto;
  • ano.

L'intestino umano inizia immediatamente dopo lo stomaco e lo unisce. E termina con un'apertura anale - ano. Come parte integrante del tratto digestivo, l'intestino interagisce strettamente con tutti gli organi che lo compongono. È nell'intestino che la bile proviene dalla cistifellea, mentre essa stessa fornisce allo stomaco acido cloridrico per la decomposizione primaria del cibo fornito. Avendo una struttura e uno scopo complessi e diversificati, svolge una delle funzioni più importanti nella vita umana..

Pertanto, la lunghezza totale dell'intestino in un adulto è di circa 7-9 metri, mentre in un neonato la sua lunghezza è di 3,5 metri. Dal momento che cresce con la persona, la sua posizione può cambiare a seconda dell'età. Anche il diametro e la forma dell'intestino cambiano, aumentando ed espandendosi con l'età..

Funzioni intestinali umane

L'intestino fa parte del sistema digestivo e fa parte del sistema immunitario umano. Processi così importanti che si svolgono in esso:

  • digestione del cibo;
  • l'assegnazione di oligoelementi e acqua dagli alimenti;
  • sintesi di ormoni;
  • si verifica la formazione dell'immunità;
  • le tossine e i composti pericolosi vengono eliminati.

Come funziona l'intestino umano

Proprio come l'esofago e lo stomaco, l'intestino agisce mediante contrazioni peristaltiche, spingendo il contenuto verso la sua fine, cioè l'ano. Durante questo movimento, il chime viene elaborato dai succhi intestinali e scomposto in aminoacidi e altri composti semplici. In questo stato, possono essere assorbiti nella parete intestinale ed entrare nel flusso sanguigno, attraverso il quale i nutrienti e l'energia vengono trasportati in tutto il corpo. Le pareti intestinali sono composte da quattro strati:

  • rivestimento esterno sieroso dell'intestino;
  • strato muscolare;
  • sottomucosa;
  • mucosa intestinale.

Questi strati sono conduttori di nutrienti preziosi per il corpo e svolgono anche il ruolo di scambiatore di energia. L'intestino è l'organo più grande del corpo umano. Proprio come i polmoni forniscono al corpo ossigeno dal mondo esterno, l'intestino umano funge da conduttore tra il sangue e l'energia consumata. La foto sotto mostra che l'afflusso di sangue a questo organo viene effettuato attraverso i tre rami principali della parte addominale dell'aorta..

La peristalsi è molto varia, le contrazioni possono essere ritmiche, pendolari, figurative peristaltiche e antiperistaltiche, tattiche. Tali movimenti dei muscoli intestinali consentono non solo di spostare le masse verso l'uscita, ma anche di mescolarle, strofinarle e compattarle insieme..

Duodeno

Il duodeno è una delle divisioni più brevi, ma non meno importante dell'intero sistema digestivo. La lunghezza dell'intestino umano in questa sezione è di circa 21-25 centimetri. È in esso che il cibo in entrata viene scomposto nei suoi componenti: carboidrati, proteine ​​e grassi. Inoltre, il duodeno è responsabile del controllo del rilascio della quantità richiesta di acido cloridrico che entra nello stomaco e della promozione della scomposizione del cibo in frammenti più piccoli. Dalla produzione di vari enzimi e dal flusso della bile, invia segnali al resto dell'intestino circa l'inizio del movimento del cibo dallo stomaco, contribuendo all'inizio della secrezione per l'ulteriore elaborazione del chimo.

Intestino tenue

Immediatamente dopo la fine del duodeno, sezioni dell'intestino tenue si uniscono a esso, il primo dei quali è il digiuno, quindi passa uniformemente nell'ileo. Pertanto, questo dipartimento è composto da due parti. La lunghezza dell'intestino tenue umano, comprese tutte le sue sezioni, varia da 5 a 7 metri. In essa si svolgono i processi di digestione e assorbimento dei nutrienti. Lo scambio di energia avviene attraverso il trasferimento di nutrienti e oligoelementi attraverso le pareti nel sangue. Le pareti dell'intestino tenue secernono speciali enzimi chiamati enterociti, che sono in grado di scomporre il cibo in semplici aminoacidi, glucosio, da acidi grassi. Successivamente, per assorbimento nella mucosa intestinale, queste sostanze entrano nel corpo. Il glucosio e gli aminoacidi vengono trasferiti attraverso il sangue. Gli acidi grassi, a loro volta, entrano nei capillari linfatici, trasmessi attraverso di essi al fegato.

L'intestino tenue è molto importante per l'uomo e, nonostante il fatto che l'intero sistema intestinale sia lungo, è senza questa sezione che una persona non può esistere. Tra l'intestino tenue e crasso si trova la valvola Bauginium. È una piega muscolare e serve a prevenire il movimento delle feci dall'intestino crasso all'intestino tenue..

L'intestino tenue umano ha attacchi di collegamento di varie larghezze e forme, che assicurano la posizione dell'intestino e dei suoi anelli arrotondati, nonché la sua fissazione. Con il loro aiuto, è fissato alla parete addominale posteriore. L'intestino tenue contiene una massa di vasi sanguigni e linfatici, nonché terminazioni nervose.

Colon

L'intestino crasso si trova lungo il perimetro del relativamente sottile e ha una forma simile a una cornice, situata più vicino alle cavità addominali. Dopo il passaggio del cibo attraverso il digiuno e l'ileo, scomposto negli amminoacidi più semplici e dopo il loro assorbimento nelle pareti e nel sangue intestinali, il resto della massa, che si basa su fibre e cellulosa, entra in questo dipartimento. La funzione principale dell'intestino crasso è assorbire l'acqua dalla massa rimanente e formare feci dense per la rimozione dal corpo. Tuttavia, continuano a verificarsi processi di digestione..

L'intestino crasso umano è saturo di vari microrganismi che promuovono il trattamento di sostanze che non sono in grado di essere assorbite nel corpo umano. Ospita vari tipi di lattobacilli, bifidobatteri e alcune varietà di E. coli. Il contenuto e la concentrazione di tali batteri è responsabile della salute dell'intestino e della sua microflora. Se uno qualsiasi dei tipi di microrganismi diminuisce di numero o scompare completamente, la disbiosi si sviluppa nel corpo. Può procedere in forme piuttosto gravi e contribuisce allo sviluppo e alla riproduzione di microbi e funghi patogeni, che non solo riduce il livello di immunità in generale, ma può anche avere gravi conseguenze per la salute del corpo..

La struttura dell'intestino umano della grande sezione comprende i seguenti intestini:

  • cieco;
  • due punti ascendenti;
  • curva a destra del colon;
  • colon trasverso;
  • colon discendente;
  • colico sigmoideo.

L'intestino crasso è molto più corto dell'intestino tenue e varia da un metro e mezzo a due metri di lunghezza. Di diametro, varia da 7 a 10 centimetri.

Appendice

L'appendice è un'appendice vermiforme del cieco, che fa parte dell'intestino crasso, che può essere posizionata verso il basso o verso l'alto, verso il fegato. L'appendice è responsabile della conservazione dei tessuti linfoidi che fanno parte del sistema immunitario. Qui si accumulano batteri utili della microflora dell'intestino crasso, che, quando si verifica la disbiosi, è una riserva per loro. Durante l'uso di antibiotici che uccidono l'ambiente batterico dell'intestino crasso, la microflora dell'appendice non è interessata. Pertanto, è molto più difficile per le persone con un'appendice rimossa sperimentare uno stato di disbiosi. È una specie di incubatrice per lo sviluppo di E. coli, bifidobatteri e lattobacilli.

L'appendice non ha una dimensione standard e può variare a seconda della struttura individuale del tratto digestivo. La lunghezza dell'intestino in un adulto nel rapimento dell'appendice è di 7-9 centimetri e di diametro fino a 1 centimetro. Tuttavia, la sua lunghezza può variare da 1 centimetro a 23, che sarà la norma. Nel luogo di transizione verso l'intestino crasso, l'appendice ha una piccola piega della mucosa, che è un otturatore dal chimo che vi entra. Se questo smorzatore non è abbastanza grande e non lo protegge dalle masse in movimento, si verificano riempimento e infiammazione, che è una malattia chiamata appendicite. In questo caso, viene utilizzata la rimozione chirurgica dell'appendice..

Retto

Alla fine dell'intestino crasso, c'è un'altra sezione: il retto. Attraverso le sue masse fecali vengono accumulate, formate ed escrete. L'uscita dal retto è nella zona pelvica e termina nell'ano. La lunghezza dell'intestino umano in questo piombo varia da 13 a 23 centimetri e in diametro da 2,5 a 7,5 centimetri.

Il retto, nonostante le sue piccole dimensioni, è costituito da diverse sezioni:

  • nadampular;
  • fiala del retto;
  • dipartimento perineale;
  • colonne anali;
  • sfintere interno, quindi esterno;
  • seni e lembi anali.

Struttura della parete intestinale

L'intestino umano ha una struttura a strati, che assicura le sue funzioni di peristalsi, il rilascio di enzimi e succhi e lo scambio di sostanze con il resto del corpo. Le pareti sono composte da quattro strati:

  • membrane mucose;
  • sottomucosa;
  • strato muscolare;
  • strato sieroso esterno.

La mucosa dell'intestino tenue è composta da villi, che forniscono interconnessione con la superficie intestinale e il sistema circolatorio.

Lo strato muscolare è costituito da uno strato circolare interno circolare e uno longitudinale esterno.

La mucosa dell'intestino crasso non ha villi, ma è costituita da script e pieghe mucose.

La struttura dell'intestino umano può essere facilmente riconosciuta dal suo colore. La sezione spessa è grigia, mentre l'intestino tenue è rosa.

Malattia intestinale

Tutte le parti dell'intestino possono essere influenzate dai processi infiammatori delle mucose e delle pareti intestinali. Tali processi infiammatori possono essere sia localizzati che diffusi lungo l'intera lunghezza di una sezione o l'intero intestino in casi particolarmente gravi..

Nella pratica medica, ci sono tali malattie intestinali umane:

Queste malattie sono di natura infiammatoria e differiscono nel luogo di localizzazione nell'intestino. Tuttavia, con processi infiammatori prolungati, possono trasformarsi in forme gravi, come febbre tifoide, tubercolosi o dissenteria. Nei processi infiammatori, non solo la struttura anatomica delle mucose, le proprietà peristaltiche, ma anche l'azione funzionale dell'intestino sono disturbate.

  1. In caso di disturbi nell'attività della peristalsi, cioè la funzione di spostare il cibo attraverso l'intestino, si verificano malattie come la diarrea o la costipazione. Queste malattie sono molto pericolose, poiché quando si verifica la costipazione, le sostanze dannose non vengono rimosse dall'intestino e iniziano ad essere assorbite nel flusso sanguigno, causando un'intossicazione generale del corpo. E con la diarrea, le sostanze utili non hanno il tempo di essere assorbite nel sangue e il corpo non le assorbe..
  2. Flatulenza. Oltre alla peristalsi, i gas generati durante l'attività dei microrganismi contenuti nell'intestino crasso sono coinvolti nel processo di avanzamento del chimo. Quando una persona mangia cibo che tende ai processi di fermentazione, i gas vengono rilasciati in eccesso e non vengono escreti naturalmente. In questo caso, si verifica flatulenza, che di solito si verifica con ostruzione intestinale..
  3. La natura del dolore addominale può essere variata. Può essere tirando, tagliando, accoltellando, dolorante o altri tipi di dolore. Tutti questi tipi sono chiamati coliche. Il dolore può verificarsi in diverse parti dell'intestino e indicare la presenza di malattie, l'insorgenza di processi infiammatori.
  4. Il sanguinamento intra-intestinale può essere innescato dalla presenza di malattie gravi come dissenteria, tubercolosi o febbre tifoide, nonché emorroidi, ulcere duodenali e colite ulcerosa. Alla prima comparsa di perdite di sangue nelle feci, è necessario cercare urgentemente l'aiuto di un medico.
  5. Enterocolite acuta, gastroenterocolite. Malattie come l'enterite hanno spesso comorbidità come la colite e la gastrite. Sorgono sotto l'influenza di E. coli. Con un aumento del loro numero o degenerazione in batteri nocivi, possono verificarsi malattie infettive chiamate enterocolite. Il motivo di tale degenerazione o riproduzione eccessiva di E. coli è la ricezione di un ambiente favorevole per il suo sviluppo: si tratta di alimenti di bassa qualità. In questo caso, si verifica un avvelenamento, che può essere grave..
  6. Enterite cronica e colite. Si verificano con frequenti violazioni della dieta, stasi intestinale venosa, costipazione frequente o diarrea. Il trattamento consiste nell'eliminare le cause del loro verificarsi..
  7. Sindrome dell'intestino irritabile. È causato dall'ipersensibilità dell'intestino, che reagisce ai cambiamenti nervosi nello stato del corpo. Le masse nell'intestino possono essere rapidamente dirette verso l'uscita o dirette nella direzione opposta. Tali stati possono provocare situazioni nervose, anche nelle circostanze di vita più ordinarie, come arrivare in ritardo al lavoro, chiamare il capo, una cena di gala, un incontro importante, esperienze personali. Questa è una malattia abbastanza comune, la cui natura è ancora sconosciuta. Il trattamento di un tale disturbo comporta l'intervento di psichiatri e psicologi..

L'intestino umano viene esaminato utilizzando i seguenti metodi di ricerca:

  • Risonanza magnetica o ultrasuoni dell'intestino;
  • TAC;
  • raggi X;
  • sigmoidoscopia;
  • analisi delle feci;
  • palpazione dell'addome del paziente.

Sapendo quanti metri è l'intestino di un adulto e quale carico funzionale porta, è possibile valutare l'importanza di mantenerlo in uno stato sano per mantenere la propria immunità e rafforzare la funzione protettiva del corpo. È importante ricordare che è molto facile interrompere il delicato equilibrio della microflora senza preoccuparsi della qualità del cibo consumato. Tuttavia, è molto difficile ripristinare questo equilibrio ed eliminare le conseguenze del suo verificarsi per il corpo. Pertanto, è estremamente importante prendersi cura della propria salute e cercare assistenza medica in modo tempestivo..

In dettaglio sull'intestino: struttura, dipartimenti e funzioni dell'organo

L'intestino è un organo dell'apparato digerente che inizia nel duodeno e termina nell'ano. La funzione principale dell'organo è di digerire e assorbire il cibo. L'intestino è diviso in diverse divisioni principali, ognuna delle quali ha caratteristiche strutturali e funzionali..

intestino

A seconda delle caratteristiche strutturali, si distinguono l'intestino tenue e crasso.

Intestino tenue

L'intestino tenue è una sezione delimitata dal piloro dello stomaco (all'inizio) e dal cieco con l'appendice (alla fine). In esso, il cibo viene digerito dagli enzimi digestivi e la maggior parte dei nutrienti viene assorbita. Nella struttura dell'intestino tenue, si distinguono diverse sezioni:

  • duodeno;
  • digiuno;
  • ileo.

Duodeno

Il duodeno è l'inizio dell'intestino tenue. Il cibo entra dal piloro dello stomaco. Le cellule della mucosa dell'organo secernono una grande quantità di secrezione mucosa, fornendo così un ambiente alcalino per il contenuto dell'organo. La produzione di un segreto è necessaria per neutralizzare l'ambiente acido del cibo proveniente dallo stomaco.

Il dotto pancreatico si apre nel lume del duodeno. Il suo succo contiene enzimi digestivi che aiutano a digerire il cibo. Questi includono:

  • amilasi intestinale;
  • lipasi;
  • chimotripsina e tripsina.

Gli enzimi scompongono proteine, grassi e carboidrati in frammenti che possono passare attraverso la parete intestinale ed entrare nel flusso sanguigno.

Anche la bile è coinvolta nella digestione, un segreto che viene prodotto dal fegato e dalla cistifellea. La bile emulsiona i grassi: li separa in piccole goccioline, grazie alle quali viene accelerato il processo degli enzimi.

Dopo la digestione, i frammenti di molecole che si formano dopo l'azione degli enzimi vengono assorbiti dalle cellule intestinali e trasportati nel sangue. Questi possono essere aminoacidi (costituenti delle proteine), glucosio, frammenti di grasso. Il processo di assorbimento inizia nel duodeno e continua per tutto l'intestino tenue.

digiuno

Il digiuno è la parte centrale dell'intestino tenue, che è intermedia tra il duodeno e l'ileo. Il digiuno si trova nell'ipocondrio sinistro (sopra, sotto l'arco costale). La lunghezza del dipartimento è di circa 1-2 metri.

Nel digiuno, continua il processo di digestione e assorbimento delle sostanze dal cibo. Le reazioni biochimiche si verificano sulla superficie delle cellule della mucosa dell'epitelio intestinale (digestione parietale). I prodotti vengono prima scomposti in frammenti, quindi passano attraverso la mucosa ed entrano nel flusso sanguigno. La maggior parte dei nutrienti viene assorbita dall'inizio del digiuno.

ileo

L'ileo è la porzione terminale dell'intestino tenue che passa nell'intestino crasso per formare l'angolo ileocecale. L'organo si trova nella regione iliaca - nell'addome inferiore a destra. Anatomicamente, è difficile trovare il posto in cui il digiuno passa nell'ileo, ma queste divisioni presentano una serie di differenze. L'ileo ha un diametro del lume maggiore e una parete più spessa. In relazione alla linea mediana, la parte iliaca si trova a destra e la parte magra a sinistra.

Il processo di assorbimento dei nutrienti continua nell'ileo. Qui vengono assimilate vitamine, minerali, acidi biliari. L'assimilazione dei prodotti digestivi avviene attraverso il trasporto attivo - il trasferimento di molecole attraverso le membrane delle cellule mucose con il dispendio di energia.

Colon

L'intestino crasso è una parte del sistema digestivo che inizia all'angolo ileocecale (il luogo in cui l'ileo passa nella cieca) e termina con l'ano. Le principali funzioni dell'intestino crasso sono l'assorbimento di liquidi, la formazione di masse fecali e il suo movimento verso l'uscita dal corpo. Contiene anche la microflora intestinale, che protegge il corpo dalla penetrazione di batteri patogeni ed è coinvolta nella sintesi di sostanze utili per l'uomo (ad esempio alcune vitamine).

Come parte dell'intestino crasso, si distinguono le seguenti sezioni:

  • cieco e appendice (appendice);
  • parte del cerchione;
  • retto.

cieco

Il cieco è la sezione iniziale dell'intestino crasso, che ha una forma sacculare. La sua lunghezza varia da 3-4 a 78 centimetri. Questo dipartimento ha preso il nome dal fatto che uno dei suoi poli finisce alla cieca. Qui, un processo - l'appendice - parte dall'organo. È una sezione lunga e stretta dell'intestino che ha una cavità all'interno. La posizione dell'appendice può differire in base alle caratteristiche individuali della persona.

Sopra il luogo di origine del processo appendicolare è l'angolo ileocecale - il luogo in cui l'ileo scorre nel cieco. In questa zona, il contenuto dell'organo passa dall'intestino tenue al grande.

Colon

Il colon è la parte principale dell'intestino crasso, che è a forma di U. A seconda della posizione, si distinguono diverse parti principali del colon:

  1. Parte ascendente.
  2. Parte trasversale.
  3. Parte discendente.
  4. Parte sigmoidea.

La parte ascendente inizia nell'addome inferiore a destra (regione iliaca destra), si alza verticalmente verso l'alto e forma la curva epatica nell'ipocondrio destro. La parte trasversale dell'organo inizia da esso, che corre orizzontalmente. Passa nella parte discendente con la formazione di una flessione splenica nell'ipocondrio sinistro. Nella parte inferiore dell'addome a sinistra (regione iliaca sinistra) si trova l'ultima sezione del colon - il sigmoide. Forma una curva che passa alla fine dell'intestino crasso - il retto.

Retto

Il retto è un frammento dell'intestino crasso, delimitato dal colon sigmoideo e dall'ano. La lunghezza dell'organo è di circa 15-16 centimetri. Nella parte centrale, il retto forma un'ampolla - un'area in cui si accumulano le feci. Alla fine, la direzione dell'intestino si sposta verso il basso e all'indietro - si forma un canale anale, che termina con l'ano.

Struttura della parete intestinale

La parete intestinale è composta da quattro membrane.

Membrana mucosa. Suddiviso in tre strati:

  • lo strato superficiale delle cellule - l'epitelio;
  • proprio piatto della mucosa;
  • parte muscolare.

La struttura della mucosa dipende dalla sezione intestinale. Nell'intestino tenue, sulla superficie dell'epitelio, ci sono villi - piccole sporgenze che aumentano l'area di assorbimento dei nutrienti. Non ci sono villi nel colon, ci sono cripte - grosse grinfie di muco.

Sottomucosa. Contiene un gran numero di vasi sanguigni e nervi che assicurano il normale funzionamento dell'intestino. Ci sono anche ghiandole che sintetizzano sostanze ormonali. Regolano il processo di digestione.

La membrana muscolare. La terza guaina è formata da fibre muscolari. Include uno strato circolare (circolare) e uno strato longitudinale.

Membrana sierosa. Il guscio esterno - sieroso - è la parte del peritoneo che copre l'intestino. Forma diversi processi - omento, che contiene una grande quantità di tessuto adiposo.

Intestino nel corpo umano: struttura, funzioni, malattie

L'intestino umano è la parte più grande del tratto digestivo e uno dei più grandi organi del corpo umano. La sua lunghezza media è di 4 metri. La maggior parte delle persone sottovaluta l'importanza della corretta funzione intestinale per la salute. Nel frattempo, il lavoro di molti altri sistemi del corpo umano dipende dallo stato della microflora intestinale..

La struttura dell'intestino umano

Nel corpo, l'intestino proviene dallo sfintere del piloro, che controlla il flusso di alimenti trasformati direttamente nell'intestino. Termina con l'ano. Condizionalmente, l'intestino può essere diviso in due parti principali: l'intestino crasso e quello piccolo. Ognuno di loro ha diversi dipartimenti che svolgono funzioni specifiche nel processo di digestione umana..
Le pareti intestinali sono composte da 4 gusci:
1. La mucosa, che a sua volta ha tre strati: epiteliale, un piatto con le ghiandole di Lieberkune e un muscolo.
2. Submucosa, costituita da tessuto connettivo, vasi sanguigni e nervi.
3. Membrana muscolare.
4. Sieroso, costituito da tessuto connettivo denso con epitelio squamoso all'esterno.

Intestino tenue e sue divisioni

L'intestino tenue è "l'inizio" dell'intestino, situato tra lo stomaco e l'intestino crasso. È stato chiamato sottile a causa del diametro più piccolo del lume e dello spessore delle pareti rispetto all'intestino crasso. In effetti, gran parte dell'intero processo di digestione avviene nell'intestino tenue. I nutrienti del cibo digerito nello stomaco vengono assorbiti qui.
Intestino tenue:
• duodeno;
• digiuno;
• ileo.

Il duodeno è la prima parte dell'intestino dopo lo stomaco. Si collega con lui nella posizione del piloro. Questa sezione dell'intestino tenue è soprannominata per la sua lunghezza approssimativa di 12 dita (la larghezza di 12 dita sulla mano). Il duodeno ha una sua divisione in parti superiori, discendenti, orizzontali e ascendenti. La sua forma e posizione non sono le stesse in persone diverse e dipendono da molti fattori, ad esempio l'età o il fisico..
C'è un altro nome non ufficiale per il duodeno - "ghiandola pituitaria dell'apparato digerente". La spiegazione di ciò sta nel suo luogo. Si trova tra lo stomaco, la maggior parte dell'intestino e il fegato, mentre funge da coordinatore dell'intero sistema digestivo umano. La ghiandola pituitaria funziona in modo simile, ma con diversi sistemi corporei.
Il digiuno è il centro dell'intestino tenue. Da un punto di vista anatomico, differisce poco dal iliaco e, in effetti, il secondo è una continuazione del primo. L'unica differenza è che il digiuno è notevolmente meno vascolarizzato, ha un diametro più piccolo e pareti più sottili..
L'ileo è una fonte di produzione di neurotensina ormonale. La neurotensina attiva vari processi negli organi digestivi necessari per una corretta digestione del cibo.

Intestino crasso e sue divisioni

A differenza dell'intestino tenue, in cui tutti i nutrienti vengono assorbiti dal cibo digerito dallo stomaco, l'intestino crasso nel corpo umano è impegnato nell'assorbimento di acqua e nella formazione di feci. Si presenta:
• cieco;
• colon;
• retto.

Ciascuno dei dipartimenti ha le sue parti costitutive.
Il cieco è una specie di appendice situata dove l'intestino tenue "si trasforma" in uno grande. I residui di cibo non digerito vengono "scaricati" in questa area di stoccaggio temporaneo, da dove si spostano in altre parti del colon. Non amato da molti perché la sua proprietà si infiammasse al momento sbagliato, l'appendice è un'appendice del cieco, scientificamente chiamata appendice. Con una lunghezza media di soli 7-10 cm, l'appendice è presente solo nell'uomo e in alcune specie di mammiferi..
Il colon è una sezione che è una continuazione del cieco. In effetti, è il colon, che contiene parti come il colon ascendente, il colon trasverso, il colon discendente e il colon sigmoideo, che è la parte principale del colon. Questa parte dell'intestino non partecipa più direttamente alla digestione. Ciò che rimane del cibo durante la fase di lavorazione nell'intestino tenue arriva qui in una forma relativamente liquida. L'acqua residua e gli elettroliti vengono assorbiti. Il materiale rimanente viene convertito in feci.
Il retto è la fine dell'intestino e l'intero tratto digestivo umano. Non ha curve pronunciate rispetto ad altri segmenti dell'intestino umano e continua fino all'ano. La parte superiore è chiamata ampolla del retto, la parte inferiore è chiamata canale anale. I processi di formazione fecale sono completati nel retto.

Funzioni intestinali nel corpo umano

In breve, l'intestino umano è occupato ad assorbire i nutrienti nel flusso sanguigno dal cibo digerito dallo stomaco. Stiamo parlando di sostanze già semplificate e quelle che si sono rivelate superflue lasciano il corpo sotto forma di feci e gas intestinali. Tutti questi processi sono supportati da un numero enorme di batteri che formano la microflora intestinale umana. Pertanto, questa parte dell'apparato digerente funziona come la compressione finale di tutto ciò che è utile e necessario per il corpo umano dal cibo, oltre allo scarico dei rifiuti..
Ma in effetti, l'intestino ha altre funzioni altrettanto importanti. L'intestino è una delle parti più importanti del sistema immunitario. Questa è una grave barriera agli agenti patogeni che cercano di attaccare il corpo umano. I microbi che entrano attraverso il tratto gastrointestinale (GIT) finiscono nell'intestino in un modo o nell'altro. Per iniziare l'allevamento qui, devono "assicurarsi un posto per se stessi".
Tuttavia, l'intestino umano è già ampiamente popolato con i propri batteri, che impediranno all'alieno di aggrapparsi alla parete intestinale. Bloccano qualsiasi tentativo di microrganismi stranieri di iniziare a moltiplicarsi, dopodiché l'immunità di fronte agli anticorpi distrugge la minaccia. La microflora sana non solo protegge il corpo dalle infezioni, ma promuove anche una corretta digestione.

La composizione della microflora intestinale

I batteri intestinali umani sono:
• lattobacilli, bifidobatteri, batteroidi (appartengono al gruppo principale);
• enterococchi e vari ceppi di Escherichia coli (gruppo di accompagnamento);
• proteus, stafilococchi (gruppo finale).

Questi ultimi includono microrganismi del regno dei funghi. Normalmente, tutte queste specie abitano il colon umano. Oltre a loro, alcuni altri tipi di microrganismi si trovano nell'intestino. Tutti vivono in simbiosi con il corriere, cioè beneficiano di tale esistenza, dando le loro proprietà necessarie per una persona..
Un fatto interessante: nell'intestino di una persona sana, ci sono circa 50 trilioni di microrganismi, che è circa 70 volte il numero di persone sulla Terra e 1,3 volte più delle cellule del corpo umano. Più della metà di tutte le feci è costituita da batteri morti.
Tutti i microrganismi della microflora intestinale sono divisi in anaerobi e aerobi, cioè non hanno bisogno e non hanno bisogno di ossigeno, rispettivamente. La stragrande maggioranza dei batteri intestinali sono anaerobi (oltre il 95%). Questi sono bifidobatteri, lattobacilli e batterioidi. Aerobi includono, ad esempio, E. coli e enterococchi.
Separatamente, vale la pena evidenziare il tipo di relazione simbiotica tra batteri intestinali e il corpo umano stesso. Questo non sta risucchiando la convivenza innocua, ma il mutualismo. In una relazione del genere, entrambe le parti traggono beneficio dal vicinato. I batteri svolgono le loro utili funzioni e l'intestino offre loro un posto dove vivere e riprodursi.
Come qualsiasi altro microrganismo, gli abitanti dell'intestino umano sono inclini a un aumento incontrollato del loro numero. Ciò è impedito da "micce" come la secrezione di acido cloridrico, la valvola ileocecale, che blocca l'ingresso di batteri dall'intestino crasso nell'intestino tenue e la funzione di spingere il contenuto dall'intestino tenue nell'intestino crasso. L'acido cloridrico impedisce ai batteri di moltiplicarsi nel tratto gastrointestinale superiore. Sia un'esagerazione del volume di un certo tipo di batteri che l'estinzione possono portare a disturbi nel lavoro dell'intestino..

Disturbi intestinali comuni

L'intestino umano è un organo unico. Nonostante il fatto che la sua componente funzionale sia forte, non è difficile causare disturbi nel lavoro dell'intestino. Molte persone hanno l'impressione sbagliata di questo organo come sistema per l'elaborazione di qualsiasi immondizia: qualunque cosa tu gli invii, elaborerà tutto e lo rimuoverà al di fuori del corpo. Questo è in parte vero, ma la ricca microflora viene facilmente distrutta, portando a vari disturbi nell'intestino..
Quando questa parte più importante del sistema digestivo fallisce, compaiono sintomi come problemi alle feci, dolore nella parte inferiore dell'addome e falsa voglia di svuotamento (tenesmo). I sintomi delle disfunzioni intestinali possono anche includere mal di testa, sudorazione eccessiva, debolezza, malessere e problemi respiratori. Molto spesso, le malattie della pelle parlano di una funzione intestinale impropria. L'esempio più chiaro è l'acne, che indica un intaccamento dell'intestino..
Di seguito è riportato un elenco di sintomi comuni e problemi intestinali associati. Naturalmente, uno qualsiasi dei sintomi descritti indica solo approssimativamente un disturbo specifico. Un motivo più preciso può essere scoperto solo dopo aver superato un esame sotto la supervisione di un medico. Non dovresti scherzare con l'intestino: anche la costipazione banale può essere il risultato di problemi molto gravi che richiedono un intervento medico urgente.
La costipazione è un sintomo di una cattiva alimentazione, spesso privata della quantità necessaria di alimenti vegetali (fibre). Inoltre, uno stile di vita sedentario comune oggi può diventare la causa della costipazione. La costipazione può segnalare la presenza di aderenze intestinali o tumori dell'utero o appendici nelle donne. A proposito, la costipazione si verifica spesso durante la menopausa e le ragioni possono essere psicologiche. La costipazione neurogena è comune. Qualcuno non può andare in bagno durante un viaggio in treno, qualcuno ha difficoltà a farlo in condizioni di residenza temporanea scomoda (campo, sanatorio). Vale la pena notare che le feci 3 volte al giorno fino a 3 volte alla settimana sono la norma se una persona non prova disagio fisico ed emotivo. La ritenzione delle feci in combinazione con flatulenza può indicare peritonite ginecologica..
Il tenesmo è una condizione spiacevole che presenta un falso bisogno di defecare, di solito doloroso, con feci molto piccole o assenti. Può accompagnare dissenteria o colera, sebbene in alcuni casi compaia dopo radioterapia e radioterapia dei genitali.
La diarrea è uno stupore frequente e liquido, che può essere causato da infezioni intestinali, ma a volte la diarrea può indicare problemi molto più pericolosi, come la tubercolosi intestinale o la parametrite.
Vari tipi di dolore: il dolore durante i movimenti intestinali è un segnale della presenza di emorroidi o paraproctite. Nelle donne, tale dolore può verificarsi con infiammazione nella regione del tessuto peri-uterino e perivaginale. Se il dolore non si ferma per il resto del tempo, ciò può indicare il cancro del retto o dei genitali. Nelle donne, il dolore che si diffonde al retto può indicare una gravidanza extrauterina..
Il disturbo dell'appetito o la sua completa scomparsa è un sintomo di esacerbazione delle malattie intestinali croniche.
Disturbi sistematici nel lavoro dell'intestino sono un motivo per visitare immediatamente un medico di medicina generale, che, sulla base di un esame iniziale, invia il paziente a un gastroenterologo, proctologo o nutrizionista, a seconda del tipo di problema rilevato.

Malattia intestinale

Le ragioni

Esiste un ampio elenco di malattie inerenti all'intestino umano e sei modi principali di apparire:
1. Infezioni
2. Parassiti
3. Stile di vita sbagliato
4. Fattori genetici
5. Assunzione di farmaci
6. Malfunzionamenti dell'immunità

E se le precauzioni banali e le norme igieniche proteggono dai primi due punti nella maggior parte dei casi, nessuno è immune dal terzo.
Uno stile di vita improprio significa la presenza di cattive abitudini (fumo), scarsa mobilità, stress, dieta malsana. Certo, puoi smettere di fumare o non iniziare affatto, non è difficile forzarti a mangiare bene. Evitare un lavoro sedentario o un nervosismo costante è più difficile. Secondo alcuni rapporti, le persone che lavorano seduti da molti anni sono a maggior rischio di cancro intestinale..
Il quarto elemento dell'elenco è la predisposizione genetica. Ad esempio, questa causa, insieme alla deficienza immunitaria, è spesso citata per la colite ulcerosa, una condizione comune che si manifesta come infiammazione della mucosa intestinale. I farmaci a lungo termine (5 ° punto), in particolare gli antibiotici, possono distruggere la microflora intestinale. Come risultato della morte di un gran numero, ad esempio, i bifidobatteri, si sviluppa la disbiosi.
L'ultimo punto è interconnesso con i primi due: quando la difesa immunitaria si indebolisce, i batteri estranei e i parassiti vengono assorbiti più facilmente nell'intestino umano..

Malattie dell'intestino umano

L'elenco delle malattie che colpiscono l'intestino umano è lungo. Le malattie infettive più comuni:
• dissenteria;
• amebiasi;
• colera;
• tifo.

Sono tutti causati da diversi tipi di batteri e amebe. Puoi essere infettato da una qualsiasi delle malattie elencate senza lavarti le mani prima di mangiare. Sembrerebbe che un'infezione intestinale, nella migliore delle ipotesi, si trasformi in molte ore di agonia, accompagnata da diarrea e vomito, ma qual è la cosa peggiore? Le statistiche sono le seguenti: in un anno, decine di milioni di persone si ammalano di vari tipi di dissenteria e muoiono dall'1% al 9%..
Naturalmente, i decessi sono dovuti alla mancanza di cure mediche qualificate, caratteristica dei paesi poveri. Ad esempio, più di 9,5 mila persone sono morte di colera nel 2015 ad Haiti, che è una buona percentuale della popolazione del paese. Le epidemie di infezioni intestinali sono comuni nel mondo.
Esistono anche malattie infettive più pericolose:
• tubercolosi intestinale, la cui fonte è la tubercolosi del micobatterio;
• sifilide intestinale - una rara forma di malattia a trasmissione sessuale.

Le malattie dell'intestino di natura parassitaria sono:
• ascariasi;
• trichinosi;
• miasi intestinali;
• anchilostomosi;
• tricocefalosi;
• scarabiasi;

altro. Ciò che queste malattie hanno in comune è che rappresentano danni intestinali da vari tipi di parassiti. Ad esempio, una malattia molto spiacevole, che, secondo varie stime, colpisce da 800 a 1,2 miliardi di persone, è l'ascariasi. Il numero principale di portatori del parassita dei nematodi vive in paesi in via di sviluppo poveri. La dimensione di un verme adulto può raggiungere i 30 centimetri. Parassita nell'intestino tenue e le uova del parassita entrano nel corpo attraverso frutta e verdura non lavate.
I sintomi dell'ascariasi sono abbastanza complessi da diagnosticare la presenza di un parassita nel corpo da parte di alcuni dei sintomi. È necessaria una visita medica completa, compresi esami del sangue e delle feci. I sintomi includono un leggero aumento della temperatura corporea per lungo tempo, reazioni allergiche, dolore addominale, nausea, prurito all'ano. Alcune delle malattie parassitarie intestinali non sono causate da vermi. Ad esempio, la fonte della miiasite intestinale sono le larve di mosche, comprese le mosche indoor più comuni, e la scarabiasi sono in realtà scarabei che penetrano nell'ano mentre una persona dorme. Fortunatamente, questa malattia si trova solo nell'emisfero meridionale, ma i viaggiatori avidi dovrebbero saperlo.

Altre malattie intestinali comuni

Oltre alle malattie infettive e parassitarie, sono comuni le malattie infiammatorie:
• colite ulcerosa;
• Morbo di Crohn;
• colite ischemica;
• colite causata da disturbi della microflora dovuti all'assunzione di antibiotici.

Ad esempio, la colite ulcerosa o l'infiammazione immunitaria del rivestimento intestinale, colpisce l'intestino crasso. Le cause esatte della malattia non sono ancora state chiarite. Spesso "trasmesso" da parenti (predisposizione genetica). Allo stesso modo, le possibilità di contrarre la malattia di Crohn sono aumentate..
Separatamente, vale la pena menzionare i tumori intestinali, a cui, a proposito, la malnutrizione può portare e la sindrome dell'intestino irritabile, che è vari disturbi nel lavoro di questo organo senza una ragione apparente..

Prevenzione e cura delle malattie intestinali

L'unica prevenzione delle malattie infettive e parassitarie è lavarsi le mani con il sapone prima di mangiare, dopo aver visitato luoghi pubblici. È necessario lavare accuratamente frutta e verdura con detergenti, anche se hanno una buccia. Le regole igieniche di base apprese dalla scuola ti salvano dalla maggior parte delle fonti di infezioni intestinali e parassiti.
La lavorazione termica degli alimenti è importante e l'eliminazione dei contatti tra cibi pronti e cibi crudi. Un altro aspetto importante della prevenzione è uno stile di vita sano, il rifiuto di cattive abitudini, una corretta alimentazione, ricca di alimenti vegetali e prodotti a base di latte fermentato, sport, desiderio di mobilità e abbandono dell'abitudine di sedersi per ore in un unico posto.
La principale difficoltà nel trattamento tempestivo dei problemi intestinali è che le persone che si trovano ad affrontare costipazione, diarrea, aumento della produzione di gas e altri sintomi di disturbi e malattie gastrointestinali non hanno fretta di consultare un medico. La stragrande maggioranza dei potenziali pazienti di un gastroenterologo sta cercando di "curare" se stessi, ricorrendo all'aiuto di kefir. Ma è proprio alla ricerca di assistenza medica qualificata in tempo che i rischi di complicanze e lo sviluppo di gravi malattie intestinali possono essere significativamente ridotti. Pertanto, ai primi sintomi, non essere pigro per andare dal medico, non importa quanto sia delicato il problema..

Conclusione

L'intestino umano è un organo sorprendente e complesso in cui un intero mondo di microrganismi viventi riesce a esistere, aiutandoci a rimanere in salute. È responsabile per la salute di tutto il corpo ed è uno scudo naturale contro un gran numero di rischi ambientali.

Se trovi un errore, seleziona un pezzo di testo e premi Ctrl + Invio.

Anatomia dell'intestino umano - informazioni:

Navigazione nell'articolo:

intestino -

Intestino (intestino latino) - parte del tratto gastrointestinale, a partire dal piloro dello stomaco e termina con l'ano. Nell'intestino, il cibo viene digerito e assorbito, vengono sintetizzati alcuni ormoni intestinali, svolge anche un ruolo importante nei processi immunitari. Situato nella cavità addominale.

La lunghezza totale dell'intestino è di circa 4 m in uno stato tonico (durante la vita) e di circa 6-8 m in uno stato atonico (dopo la morte). In un neonato, la lunghezza dell'intestino è di 340-360 cm e alla fine del primo anno aumenta del 50% e supera l'altezza del bambino di 6 volte. Allo stesso tempo, l'aumento è così intenso che da 5 mesi a 5 anni, la lunghezza dell'intestino aumenta di 7-8 volte, mentre la sua lunghezza in un adulto è solo 5,5 volte superiore..

La forma, la posizione e la struttura dell'intestino cambiano con l'età. L'intensità della sua crescita è massima all'età di 1-3 anni in relazione al passaggio dalla nutrizione casearia a quella mista e generale. L'aumento del diametro intestinale è più pronunciato nei primi due anni di vita, dopo di che rallenta fino a 6 anni e successivamente aumenta di nuovo. La lunghezza dell'intestino tenue (tenue intestinale) in un bambino è di 1,2-2,8 m, e in un adulto - 2,3-4,2 m. La sua larghezza nell'infanzia è di 16 mm e a 23 anni - 23 mm. Distingue tra il duodeno (duodeno), il digiuno (digiuno) e l'ileo (ileo). Il duodeno di un neonato ha una forma semicircolare e si trova al livello I della vertebra lombare, ma all'età di 12 anni scende al livello III-IV della vertebra lombare. La lunghezza del duodeno dopo la nascita è di 7-13 cm e rimane invariata fino a 4 anni. Nei bambini piccoli, il duodeno è molto mobile (13,14), ma all'età di 7 anni, il tessuto adiposo appare attorno ad esso, che fissa l'intestino e ne riduce la mobilità. Nella seconda metà dell'anno dopo la nascita, l'intestino tenue è diviso in digiuno e ileo. Il digiuno occupa 2/5 - e l'ileo - 3/5 dell'intestino tenue senza duodeno. L'intestino tenue inizia a sinistra a livello della vertebra lombare (con flexura duodenojejunal) e termina con l'ingresso dell'ileo nel cieco a destra al livello IV della vertebra lombare. Un diverticolo meckeliano abbastanza comune (il resto del dotto omphaloentericus) si trova a una distanza di 5-120 cm dalla valvola Bauhinia.

Anatomicamente, i seguenti segmenti si distinguono nell'intestino:

L'intestino tenue è una sezione del sistema digestivo umano situata tra lo stomaco e l'intestino crasso. Nell'intestino tenue, il processo di digestione si svolge principalmente. L'intestino tenue è chiamato piccolo perché le sue pareti sono meno spesse e forti delle pareti dell'intestino crasso e anche perché il diametro del suo lume interno, o cavità, è anche inferiore al diametro del lume dell'intestino crasso.

Le seguenti sottosezioni si distinguono nell'intestino tenue:

L'intestino crasso è la parte terminale inferiore del tratto digestivo nell'uomo, vale a dire la parte inferiore dell'intestino, in cui l'acqua viene assorbita principalmente e formata da feci a forma di pappa alimentare (chimi). L'intestino crasso è chiamato grande perché le sue pareti sono più spesse delle pareti dell'intestino tenue a causa del maggiore spessore degli strati muscolari e del tessuto connettivo e anche perché il diametro del suo lume interno o cavità è anche maggiore del diametro del lume interno dell'intestino tenue.

Le seguenti suddivisioni si distinguono nei due punti:

  • cieco (lat.caecum) con un'appendice vermiforme (lat. appendice vermiformis);
  • colon (colon latino) con le sue suddivisioni:
    • colon ascendente (ascendens colon latino),
    • colon trasverso (colon colon trasversum),
    • due punti discendenti (due punti latini discendenti,
    • sigma (colon colon sigmoideum)
  • retto, (latino retto), con una parte larga - l'ampolla del retto (latino ampulla recti), e la parte affusolata terminale - il canale anale (latino canalis analis), che termina con l'ano (ano latino).

La lunghezza dell'intestino tenue varia da 160 a 430 cm; è più corto nelle donne che negli uomini. Il diametro dell'intestino tenue nella sua parte prossimale è in media 50 mm, nella parte distale dell'intestino diminuisce a 30 mm. L'intestino tenue è diviso in duodeno, digiuno e ileo. Il digiuno e l'ileo sono mobili, si trovano intraperitoneale (intraperitoneale) e hanno un mesentere, che è una duplicazione del peritoneo. Nervi, vasi sanguigni e linfatici, linfonodi e tessuto adiposo si trovano tra i fogli mesenterici..

L'intestino crasso ha una lunghezza media di 1,5 mm, il suo diametro nella sezione iniziale è 7-14 cm, nella sezione caudale - 4-6 cm.È diviso in 6 parti: il cieco, il colon ascendente, il colon trasverso, il colon discendente, colon sigmoideo e retto. Un'appendice vermiforme (appendice) parte dal cieco, che è un organo rudimentale, che, secondo numerosi autori, ha un importante significato funzionale come organo linfoide. La transizione del colon ascendente al colon trasverso era chiamata curva a destra o epatica del colon, la transizione del colon trasverso alla curva discendente - sinistra o splenica del colon.

L'intestino viene alimentato con sangue dalle arterie mesenteriche superiori e inferiori. Il deflusso di sangue avviene attraverso le vene mesenteriche superiori e inferiori, che sono tributarie della vena porta.

L'innervazione sensoriale dell'intestino viene effettuata da fibre sensibili dei nervi spinali e vago, nervi motori - simpatici e parasimpatici.

Le pareti dell'intestino tenue e crasso sono costituite da mucose, sottomucosa, membrane muscolari e sierose, mentre nella mucosa intestinale si distinguono l'epitelio, la lamina propria e la muscolatura..

La mucosa dell'intestino tenue forma i villi - escrescenze che sporgono nel lume intestinale. Esistono 20-40 villi intestinali per 1 mm2 di superficie; nel digiuno ce ne sono più e sono più lunghi che nell'ileo. I villi intestinali sono coperti da cellule epiteliali bordate, le escrescenze della loro membrana plasmatica formano molti microvilli, a causa dei quali la superficie assorbente dell'intestino tenue aumenta bruscamente. Nella lamina propria della mucosa ci sono depressioni tubulari - cripte, il cui epitelio è costituito da argentaffinociti, enterociti senza bordi, calice e cellule di Panetov, che producono vari ingredienti del succo intestinale, incl. muco, così come ormoni intestinali e altre sostanze biologicamente attive.

La mucosa del colon è priva di villi, ma contiene un gran numero di cripte. Nella corretta lamina della mucosa di K. ci sono accumuli di tessuto linfoide sotto forma di follicoli linfatici singoli e di gruppo (cerotti di Peyer). La membrana muscolare dell'intestino è rappresentata da fibre muscolari lisce longitudinali e circolari.

Fisiologia intestinale Il processo digestivo nell'intestino inizia nella cavità dell'intestino tenue (digestione della cavità). Qui, con la partecipazione di enzimi pancreatici, i polimeri complessi (proteine, grassi, carboidrati, acidi nucleici) vengono idrolizzati in polipeptidi e disaccaridi. Ulteriore scissione dei composti formati in monosaccaridi, aminoacidi, acidi grassi e monogliceridi si verifica sulla parete dell'intestino tenue, in particolare sulle membrane dell'epitelio intestinale (digestione della membrana), con un ruolo importante svolto dagli enzimi intestinali propri.

La maggior parte delle sostanze viene assorbita nel duodeno e nel digiuno prossimale; vitamina B12 e acidi biliari - nell'ileo. I meccanismi più importanti di assorbimento intestinale sono il trasporto attivo contro il gradiente di concentrazione usando l'energia rilasciata durante la scomposizione dei composti del fosforo e la diffusione.

Vari tipi di contrazioni intestinali (segmentazione ritmica, pendolo, contrazioni peristaltiche e antiperistaltiche) promuovono la miscelazione e lo sfregamento del contenuto intestinale, oltre a garantirne il movimento. Nel colon, l'acqua viene assorbita, i contenuti densi vengono formati ed evacuati dal corpo. L'intestino è direttamente coinvolto nel metabolismo. Qui avvengono non solo la digestione e l'assorbimento dei nutrienti, seguiti dal loro ingresso nel sangue, ma anche il rilascio di una serie di sostanze dal sangue nel lume intestinale con il loro ulteriore riassorbimento.

Uno dei più importanti è la funzione endocrina dell'intestino. Le cellule intestinali sintetizzano gli ormoni peptidici (secretina, pancreozymin, glucagone intestinale, polipeptide gastroinibitorio, peptide intestinale vasoattivo, motilina, neurotensina, ecc.), Che regolano l'attività dell'apparato digerente e di altri sistemi corporei. Il maggior numero di tali cellule è concentrato nel duodeno. L'intestino partecipa attivamente ai processi immunitari. Insieme al midollo osseo, alla milza, ai linfonodi, alla mucosa bronchiale, è una fonte di immunoglobuline; varie sottopopolazioni di linfociti T sono state trovate anche nell'intestino, con l'aiuto del quale si realizza l'immunità cellulare.

Molte funzioni dell'intestino (protettive, sintesi di vitamine, ecc.) Sono strettamente correlate allo stato della microflora intestinale, normalmente rappresentato principalmente da anaerobi.

Metodi di ricerca intestinale. L'anamnesi è di grande importanza nel riconoscere le malattie intestinali. Identificare i reclami locali (intestinali) e generali. Presta attenzione alle caratteristiche delle feci (il numero e la natura delle feci, la frequenza dei movimenti intestinali, la comparsa di una sensazione di sollievo dopo la defecazione, i fenomeni di accompagnamento), la presenza e la natura del dolore addominale, la loro relazione con l'assunzione di feci e cibo, flatulenza, brontolio e trasfusione nell'addome. Stabilire l'intolleranza a un determinato alimento (latte, latticini, verdure, ecc.), L'impatto dei fattori mentali (stress emotivo, conflitti) e la loro relazione con la comparsa di disturbi intestinali. Al paziente viene chiesto il ritmo quotidiano dei sintomi (ad esempio, dolori notturni, diarrea mattutina), con un lungo processo - sulla loro dinamica.

Quando si familiarizzano con i reclami generali, è possibile identificare i sintomi che si verificano, ad esempio, con danni all'intestino tenue. Questi includono debolezza generale e perdita di peso, pelle secca, perdita di capelli, aumento delle unghie fragili, disturbi mestruali, riduzione della libido, ecc..

All'esame, viene prestata attenzione alla forma dell'addome, peristalsi intestinale.

Con l'aiuto della palpazione superficiale, vengono stabilite le zone di dolore, la tensione dei muscoli della parete addominale anteriore. L'intestino tenue, ad eccezione del segmento terminale dell'ileo, non è palpabile. La palpazione profonda viene utilizzata per identificare la patologia del colon. Allo stesso tempo, le caratteristiche di tutti i suoi reparti vengono determinate successivamente (forma, dimensioni, mobilità, indolenzimento, rumore da schizzi).

L'auscultazione rivela brontolio e trasfusione causati dalla peristalsi e dal passaggio di bolle di gas attraverso l'intestino, intensificato, ad esempio, con stenosi e indebolito con paresi intestinale.

Un metodo prezioso è l'esame digitale del retto. La ricerca scatologica è di grande importanza, compresa la ricerca macroscopica, microscopica, chimica, batteriologica, nonché la determinazione di elminti e protozoi. Sono stati sviluppati vari metodi di ricerca funzionale per valutare lo stato delle principali funzioni intestinali. Per studiare la funzione digestiva, viene stabilito il grado di aumento dei livelli di zucchero nel sangue dopo il caricamento con lattosio e altri disaccaridi. Metodi più accurati si basano sulla determinazione dell'attività degli enzimi intestinali nella mucosa intestinale mediante enterobiopsia.

Per studiare la funzione di assorbimento intestinale, viene utilizzato un carico di monomeri alimentari (monosaccaridi, aminoacidi, ecc.) Con la successiva determinazione di un aumento del loro contenuto nel sangue. Viene eseguito anche un test con D-xilosio, che non viene praticamente utilizzato dai tessuti corporei. La quantità di D-xilosio escreto nelle urine per un certo periodo di tempo (di solito entro 5 ore dalla sua assunzione) viene utilizzata per giudicare i processi di assorbimento nell'intestino tenue. Anche la determinazione della concentrazione di D-xilosio nel sangue ha un valore diagnostico..

Vengono anche utilizzate tecniche di radioisotopi, che consistono nel misurare la radioattività delle feci qualche tempo dopo il caricamento con sostanze radioattive, ad esempio lipidi marcati con isotopi radioattivi. Maggiore è la radioattività delle feci, maggiore è la funzione di assorbimento dell'intestino tenue. Lo studio della funzione motoria dell'intestino viene effettuato registrando le variazioni della pressione intraintestinale e i potenziali elettrici associati all'attività motoria dell'intestino, usando il metodo palloncino-chimografico o usando cateteri aperti. L'attività motoria può anche essere giudicata dalla velocità di movimento della sostanza radiopaca attraverso l'intestino o dalla tempistica dell'escrezione di marcatori non assorbibili con le feci: carminio, carbolene, ecc. Per uno studio più dettagliato di una serie di funzioni intestinali, incl. i processi di digestione e assorbimento, sondaggio (intubazione) di varie parti dell'intestino vengono effettuati utilizzando sonde multicanale, che vengono introdotte attraverso la bocca o il retto. Uno dei canali della sonda termina con un palloncino a parete sottile. Quando il palloncino viene gonfiato, viene creato un segmento chiuso in una o un'altra parte dell'intestino, in cui viene iniettata una soluzione contenente le sostanze in esame e un marker non assorbente (solitamente polietilenglicole). Il confronto tra la concentrazione nel fluido aspirato del marker e la sostanza in esame consente di determinare l'intensità dell'assorbimento (metodo di jejunoperfusion).

L'esame a raggi X svolge un ruolo di primo piano nella diagnosi delle malattie intestinali, mentre i metodi di esame a raggi X dell'intestino sono divisi in non-contrasto ed eseguiti utilizzando sostanze radiopache. I primi comprendono la fluoroscopia di indagine e la radiografia della cavità addominale, che consentono di rilevare il gas libero nella cavità addominale durante la perforazione della parete intestinale, corpi estranei, accumuli patologici di gas e liquido in K. con la sua ostruzione, ecc. L'esame di contrasto dell'intestino tenue viene solitamente eseguito riempiendolo con una sospensione solfato di bario. Dopo 10-15 minuti dall'ingestione dell'agente di contrasto ai raggi X, appare un'immagine dei primi anelli del digiuno e dopo 1,5-2 ore - di tutte le altre parti dell'intestino tenue. Al fine di accelerare il riempimento dell'intestino tenue con una sostanza radiopaca (a condizione che venga esaminata una funzione non motoria), la sospensione di bario viene pre-raffreddata a 4-5 ° e vengono iniettati i preparati che stimolano la funzione motoria intestinale (0,5 mg di proserina per via sottocutanea, 20 mg di metoclopramide per via endovenosa). Lo studio dell'intestino tenue viene effettuato sia in posizione verticale che orizzontale del paziente, insieme alla fluoroscopia, viene eseguita una panoramica e la radiografia di avvistamento. In un certo numero di casi (ad esempio, per riempire uniformemente l'intestino tenue e il suo doppio contrasto), viene utilizzata l'enterografia della sonda: l'introduzione di una sostanza radiopaca usando una sonda precedentemente introdotta attraverso la bocca nell'intestino tenue. Il riempimento degli anelli intestinali viene eseguito sotto controllo fluoroscopico, le immagini vengono scattate in diverse posizioni del paziente. Per rilassare l'intestino per razza, 10-15 minuti prima dello studio, al paziente viene iniettato per via endovenosa 1 ml di una soluzione allo 0,1% di solfato di atropina o 2 ml di una soluzione allo 0,1% di metacina sotto la pelle. L'esame a raggi X dell'intestino tenue è controindicato in condizioni generali estremamente gravi del paziente; una controindicazione relativa è un'ostruzione intestinale meccanica acuta. 5-7 ore dopo aver preso una sospensione di solfato di bario, puoi esaminare l'angolo ileocecale, dopo 24 ore - l'intestino crasso. Riempire l'intestino crasso con una sostanza radiopaca attraverso la bocca ci consente di valutare principalmente la sua funzione di evacuazione motoria, nonché la forma, la posizione, le dimensioni del lume, lo spostamento e l'austrazione. L'esame transorale del colon viene di solito utilizzato per costipazione persistente prolungata o diarrea, patologia presuntiva della regione ileocecale, in particolare per appendicite cronica e morbo di Crohn. Il principale metodo a raggi X per esaminare il sollievo dell'intestino crasso è l'irrigoscopia. I segni radiografici di danno intestinale sono cambiamenti nei suoi contorni, presenza di difetti di riempimento, ristrutturazione del sollievo della mucosa, disturbi del tono, peristalsi e passaggio di una sostanza radio-opaca. Un ruolo importante appartiene ai metodi endoscopici: intestinoscopia, colonscopia, sigmoidoscopia. L'esame morfologico intravitale della mucosa intestinale viene effettuato utilizzando una biopsia o una tecnica di aspirazione.

Patologia intestinale I principali sintomi della patologia intestinale comprendono disturbi delle feci.

La diarrea si verifica a causa della maggiore secrezione intestinale e di una diminuzione della funzione di assorbimento intestinale. In alcune forme di patologia, la causa della diarrea è un aumento dell'attività motoria dell'intestino. In caso di violazioni delle funzioni dell'intestino tenue, è caratteristico un moderato aumento delle feci (non più di 3-4 volte al giorno), un aumento del volume delle feci, la presenza di cibo non digerito nelle feci e un aumento del contenuto di grasso (steatorrea), a seguito del quale spalma la toilette. Nelle malattie del colon, le feci sono molto frequenti, ma scarse, può esserci sangue nelle feci, ma sono assenti steatorrea e residui visibili di cibo non digerito.

La costipazione è causata da un aumento della motilità (contrazioni peristaltiche e antiperistaltiche non propulsive) o da un indebolimento dell'attività motoria intestinale seguita da coprostasi. La costipazione persistente si osserva con atonia intestinale che si verifica durante le sue malattie croniche, accompagnata da un danno alla membrana muscolare o una violazione dei meccanismi neuroumorali di regolazione. Nei processi infettivi acuti, possono verificarsi intossicazioni, disturbi neurologici, costipazione a causa della paresi intestinale - un disturbo acuto della motilità intestinale..

Il dolore nell'intestino è spesso associato ad un aumento della pressione nell'intestino tenue o crasso, che può essere causato da spasmo, contrazioni convulsive dei muscoli lisci dell'intestino e gas. Possono anche essere causati da un afflusso di sangue nell'intestino, irritazione dei recettori nervosi durante i processi infiammatori nell'intestino. Con le malattie del digiuno, il dolore è solitamente localizzato nella regione ombelicale, con ileite - nella regione ileale destra, con malattie della metà sinistra del colon - nella parte inferiore dell'addome, più spesso a sinistra, con malattie della metà destra dell'intestino crasso - nella regione iliaca destra e nelle parti laterali destra dell'addome... La natura del dolore può essere diversa. Il dolore è costante o ricorrente. Con flatulenza, sono spesso prolungati e monotoni, aumentano verso la fine della giornata, diminuiscono dopo le feci, scarico di gas. A volte i pazienti sono preoccupati per i forti dolori crampi che si presentano improvvisamente in diverse parti dell'addome (colica intestinale). Il dolore può intensificarsi con lo sforzo fisico, la guida tremante, la defecazione, durante un clistere, un tale aumento del dolore è osservato con linfoadenite mesenterica, periprocesso. Le lesioni del colon distale sono caratterizzate da tenesmo - impulso doloroso a defecare con scarico insufficiente o assente del contenuto. Un segno importante delle lesioni dell'intestino tenue sono le sindromi che caratterizzano le disfunzioni intestinali. La sindrome di digestione insufficiente è un complesso di sintomi clinici causato da una violazione della digestione a causa di una carenza (congenita o acquisita) di enzimi digestivi, più spesso lattasi, meno spesso altre disaccaridasi. Si manifesta con diarrea, nausea, vomito, disturbi polifecali e altri disturbi dispeptici derivanti dall'uso di prodotti lattiero-caseari o sostanze alimentari contenenti altri disaccaridi. La sindrome di assorbimento insufficiente (congenito o acquisito) si manifesta in una varietà di sintomi, dovuti a una violazione di tutti i tipi di metabolismo. La sindrome di enteropatia essudativa (primaria o secondaria), che si verifica a causa della maggiore permeabilità della parete intestinale, del rilascio di proteine ​​dal flusso sanguigno nell'intestino e della sua perdita con le feci, è caratterizzata da ipoproteinemia, edema, ascite, comparsa di effusione nelle cavità pleuriche, cambiamenti distrofici negli organi interni. Tutte queste sindromi sono spesso osservate contemporaneamente; in questi casi, parlano di insufficienza enterale.

Pubblicazioni Su Colecistite